Home
PDF Stampa
Scritto da Administrator   

n° 9 Sabato 27 Febbraio 2016

EDITORIALE

 Missione popolare

L’Anno Santo della Misericordia a La Maddalena sarà caratterizzato da una iniziativa importante: la missione al popolo. La missione è una forte evangelizzazione che interesserà le tre parrocchie della Città. Si svolgerà nelle due settimane dal 9 al 23 ottobre. Sarà guidata dai missionari di S. Vincenzo, che saranno una decina. Nelle due settimane incontreranno i bambini e i ragazzi delle elementari e delle medie, visiteranno i malati e gli anziani, saranno disponibili per le confessioni, nelle Messe annunceranno il ricco messaggio del Vangelo, incontreranno le diverse categorie: i giovani, le famiglie, gli insegnanti, i pescatori, i commercianti, i ristoratori, gli sportivi, ecc.; animeranno centri di ascolto della parola di Dio in diversi punti della Città. Nei giorni della missione le riunioni di gruppi e di associazioni saranno sospese per favorire i momenti comunitari. La missione sarà preparata da un gruppo di religiose e laici che una settimana prima visiteranno le famiglie. L’ultima missione popolare si è tenuta a La Maddalena circa 15 anni fa, ed era guidata dai frati francescani dei tre ordini:_ minori, conventuali e cappuccini. Fiorì anche una vocazione consacrata, Pietro Porcu, che divenne frate conventuale col nome di fra Raimondo. Tante altre missioni al popolo sono state fatte a La Maddalena, molte tenute dai Vincenziani, specialmente all’inizio del secolo scorso. Una di queste portò alla nascita dell’Istituto S.Vincenzo. Famosa quella tenuta da padre Manzella, apostolo del Nord Sardegna e di cui lui lasciò una relazione piuttosto pesante. Un’altra missione vincenziana fu tenuta nel 1933 e di cui è un ricordo la croce sullo Spiniccio. La missione al popolo è una grazia del Signore per risvegliare e rafforzare la fede della nostra gente. Tra poco cominceremo a pregare per il buon esito della missione.                            

                               D.D.

 

RAGGI DI SOLE

 NOI CREDIAMO IN TE!

FAMIGLIA-27022016“Quando fu assunto come redattore in una importante rivista nazionale, gli sembrò di toccare il cielo con un dito. Telefonò a mamma, papà e naturalmente alla dolce Monica alla quale disse semplicemente: «Ho avuto il posto! Possiamo sposarci!». Si sposarono e negli anni nacquero tre vispi bimbetti: Matteo, Marta e Lorenzo. Sei anni durò la felicità, poi la rivista fu costretta a chiudere. Il giovane papà si impegnò a trovare un altro posto come redattore in un giornale locale. Ma anche quel giornale durò poco. Questa volta la ricerca fu affannosa. Ogni sera la giovane mamma e i tre bambini guardavano il volto del papà, sempre più rabbuiato. Una sera, durante la cena, l'uomo si sfogò amareggiato: «È tutto inutile! Nel mio settore non c'è più niente: tutti riducono il personale, licenziano...». Monica cercava di rincuorarlo, gli parlava dei suoi sogni, delle sue indubbie capacità, di speranza... Il giorno dopo, il papà si alzò dopo che i bambini erano già usciti per la scuola. Con un gran peso sul cuore, prese una tazza di caffè e si avvicinò alla scrivania dove di solito lavorava. Lo sguardo gli cadde sul cestino della carta. Alcuni grossi cocci di ceramica rosa attirarono la sua attenzione. Si accorse che erano i pezzi dei tre porcellini rosa che i bambini usavano come salvadanaio. E sul suo tavolo c'era una manciata di monetine, tanti centesimi e qualche euro e anche alcuni bottoni dorati e sotto il mucchietto di monete un foglio di carta sul quale una mano infantile aveva scritto: «Caro papà, noi crediamo in te. Matteo, Marta e Lorenzo». Gli occhi si inumidirono, i brutti pensieri si cancellarono, il coraggio si infiammò. Il giovane papà strinse i pugni e promise: «La vostra fede non sarà delusa!». Oggi, sulla scrivania di uno dei più importanti editori d'Europa c'è un quadretto con la cornice d'argento. L'editore la mostra con orgoglio dicendo: «Questo è il segreto della mia forza!». È solo un foglio di carta con una scritta incerta e un po' sbiadita: «Caro papà, noi crediamo in te!...»”. E noi confermiamo: «Nulla ti è impossibile, e ci fidiamo di te. Caro Gesù, noi crediamo in te!».

Don Paolo Piras

 

FATTI DELLE ULTIME SETTIMANE

GESU'-CONFIDO-IN-TE-2702201 L’immagine di Gesù Misericordioso visita le famiglie di Moneta.

Uno dei segni giubilari nella nostra parrocchia ci è stato suggerito dal parroco Don Andrea Domanski e cioè di accogliere nelle nostre case il quadro di Gesù Misericordioso, affinché possa portare benedizioni e grazie nelle famiglie. Nel Vangelo Gesù è sempre in movimento per raggiungere tutti con la Buona Novella. Così anche oggi cerca di tutti modi per arrivare ad ogni uomo, in quest’anno particolare nel segno del quadro della Divina Misericordia. Questa iniziativa è stata accolta dai parrocchiani con entusiasmo, così, davanti a Gesù Misericordioso si riunisce la famiglia e si prega insieme. Ma è anche un’occasione per invitare amici, vicini di casa, magari anche qualcuno che non ci sta molto simpatico o con il quale non abbiamo un buon rapporto. Questo è proprio il momento propizio per rendere feconda la Misericordia di Dio “se non sarete misericordiosi come il padre vostro”………… E poi ci sono gli ammalati che accolgono il quadro di Gesù Misericordioso come una presenza viva, che dà loro speranza e con accorata preghiera si rivolgono a Lui per avere conforto nella loro situazione. Una bellissima iniziativa da parte del nostro Parroco e gliene siamo grati. Chi vuole ricevere il quadro può prenotarsi in sacrestia.                              

              Maria Vitiello

 

 

■ Origine della devozione alla Divina Misericordia

«Attraverso questa immagine concederò molte grazie alle anime, perciò ogni anima deve poter accedere ad essa» (Diario, p. 379). Il modello è stato mostrato dallo stesso Gesù nella visione che Santa Faustina ebbe il 22 febbraio 1931 nella cella del convento di Plock. «La sera, stando nella mia cella – scrisse nel Diario – vidi il Signore Gesù vestito di una veste bianca: una mano alzata per benedire, mentre l’altra toccava sul petto la veste, che ivi leggermente scostata lasciava uscire due grandi raggi, rosso l’uno e l’altro pallido. (…) Dopo un istante Gesù mi disse: «Dipingi un’immagine secondo il modello che vedi, con sotto scritto: Gesù confido in Te!» (Diario, p. 74) «Voglio che l’immagine (…) venga solennemente benedetta nella prima domenica dopo Pasqua; questa domenica deve essere la festa della Misericordia» (Diario, p. 75).

Il significato di questo quadro è strettamente legato alla liturgia di quella domenica. La Chiesa legge in quel giorno il Vangelo secondo San Giovanni che descrive l’apparizione di Gesù risorto nel Cenacolo e l’istituzione del sacramento della penitenza (Gv 20, 19-29). L’immagine rappresenta dunque il Salvatore risorto che porta agli uomini la pace con la remissione dei peccati, a prezzo della sua Passione e morte in croce. I raggi del sangue e dell’acqua, che scaturiscono dal cuore di Gesù trafitto dalla lancia, e le cicatrici delle ferite della crocifissione, riportano agli avvenimenti del Venerdì Santo (Gv 19, 17 18; 33-37). L’immagine di Gesù Misericordioso unisce in sé questi due episodi evangelici che ci parlano dell’amore di Dio per l’uomo. Nell’immagine di Cristo vi sono i due raggi. Santa Faustina chiede a Gesù il significato di questi raggi, e Gesù lo spiega:

«Il raggio pallido rappresenta l’Acqua che giustifica le anime; il raggio rosso rappresenta il Sangue che è la vita delle anime. (…) Beato colui che vivrà alla loro ombra» (Diario, p. 235).

L’anima è purificata dal sacramento del battesimo e della penitenza, mentre il migliore nutrimento per essa è l’Eucaristia. Dunque questi due raggi simboleggiano i santi sacramenti e tutte le grazie dello Spirito Santo, il cui simbolo biblico è l’acqua, ed anche la nuova alleanza di Dio con l’uomo fatta per mezzo del sangue di Cristo. L’immagine di Gesù Misericordioso viene spesso chiamata immagine della Divina Misericordia, perché nel mistero pasquale di Cristo si è rivelato più chiaramente l’amore di Dio per l’uomo. Il quadro non solo rappresenta la misericordia di Dio, ma induce a rammentare il dovere della fiducia cristiana nei confronti di Dio e la carità attiva verso il prossimo. Nella parte inferiore del quadro – per volontà di Cristo – si trovano scritte le parole «Gesù, confido in Te». Questa immagine – ha detto inoltre Gesù – «deve ricordare le esigenze della Mia Misericordia, poiché anche la fede più forte non serve a nulla senza le opere» (Diario, p. 457). Gesù ha fatto grandi promesse per coloro che venerano l’immagine di Gesù Misericordioso: la salvezza eterna, progressi nel cammino verso la perfezione cristiana, la grazia di una morte felice e le altre grazie, se gli uomini le chiederanno con fiducia.   

                                  A.D.

Ritiro quaresimale

ISTITUTO-SAN-VINCENZO-27022Si è svolto Sabato scorso 20 Febbraio presso l’accogliente Cappella dell’Istituto S.Vincenzo un ritiro quaresimale dedicato agli animatori pastorali della nostra parrocchia al quale sono stati invitati anche i vari gruppi, movimenti, associazioni, catechiste. C’è stata una discreta partecipazione di persone, anche se ci si aspettava di essere più numerosi. Il ritiro è stato presieduto da don Joseph Achkarian. Tema dell’incontro è stato: "La fede nell’anno della Misericordia". Aiutato da alcuni lettori ai quali indicava passo passo i versetti da leggere della Bibbia, il Sacerdote ha messo in risalto il vero significato della parola FEDE, facendo comprendere che è molto importante l’attento ascolto della parola di Dio. Nel confronto delle parole dei Profeti dell’Antico Testamento con quelle degli Apostoli del Nuovo Testamento, don Joseph ha richiamato l’attenzione degli astanti sul versetto: "La fede è fondamento di ciò che si spera e prova di ciò che non si vede " (Eb 11,1). I partecipanti han preso coscienza che un attento e meditato ascolto della parola di Dio ci aiuta ad essere suoi veri figli ed a fare sempre la Sua volontà. Con questi sentimenti i partecipanti al raduno sono stati grati a don Joseph, il quale li ha coinvolti totalmente suggerendo loro il modo concreto di vivere questa Quaresima nell’anno della Misericordia. L’ultima parte del raduno è stata dedicata all’Adorazione Eucaristica con l’esposizione del SS. Sacramento al quale sono ascese, come incenso, le preghiere dei Salmi recitate dai fedeli presenti.                                               

    (A. Panzera)

■ Giovani della zona costiera a S. Antonio di Gallura.

Domenica 21 febbraio si è svolto a Sant’Antonio di Gallura un incontro dei giovani della zona costiera. Sono stati presenti i giovani delle parrocchie di La Maddalena, Porto Cervo, Arzachena, Golfo Aranci e Sant’Antonio. E’ stato affrontato il tema delle beatitudini – la pista che ha dato papa Francesco ai giovani per prepararsi alla Giornata Mondiale della Gioventù di Cracovia. Un brainstorming e confronto tra i giovani ha portato alla luce tante idee come vivere e mettere in pratica “beati i puri di cuore..” Come sempre l’incontro dei giovani diventa una festa. Complimenti ai giovani di Sant’Antonio che hanno curato la preparazione e l’ospitalità. Uno dei prossimi incontri sarà nella nostra Isola.  

        A.D.

Comitato Classe 1966

LOGO-CLASSE-1966Il Comitato Classe 1966 informa che è in corso la raccolta porta-a-porta di offerte da destinare alla realizzazione dei Festeggiamenti in onore di Santa Maria Maddalena e della Natività della Beata Vergine Maria. Onde evitare abusi da parte di terze persone, si precisa che: - i membri del Comitato saranno riconoscibili tramite un tesserino, con logo ben identificabile ed esposto in maniera visibile - da solo, nessun componente del Comitato è autorizzato ad effettuare la raccolta di contributi porta-a-porta (salvo conoscenza personale diretta degli stessi componenti) - per ogni donazione, indipendentemente dall’importo, verrà rilasciata una ricevuta timbrata - in segno di gratitudine, verrà donata una piccola stampa (formato cartolina), appositamente preparata. Si ringrazia anticipatamente tutta la popolazione e le persone che, generosamente, sosterranno già da ora le future attività del Comitato.

■ Domenica 28 febbraio, presso l'Oratorio San Domenico Savio di Moneta, il Comitato Classe 1966 organizza la "polentata", pranzo con bruschette, polenta e gnocchetti al sugo, salsiccia, dolce e vino/bibita: il prezzo è di € 10 per gli adulti (per i bambini 5 €). Per motivi logistici, si accettano soltanto prenotazioni (fino a esaurimento posti) tramite messaggio privato sulla pagina facebook del Comitato (Comitato Festeggiamenti S.M. Maddalena e Natività di Maria - Classe 1966) o personalmente tramite contatto diretto con i membri dello stesso.

Grazie per la collaborazione.                             G.D.

■ Oratorio San Giovanni Bosco.

FESTA-ORATORIO-ESTATENell’ultima riunione del Consiglio Parrocchiale di Santa Maria Maddalena è stato affrontato un unico e importante argomento: l’oratorio San Giovanni Bosco. Il nuovo oratorio parrocchiale, inaugurato solo pochi anni fa alla presenza del Vescovo Sebastiano Sanguinetti e fortemente richiesto dalla comunità parrocchiale, quale luogo di formazione non solo religiosa dei giovani, purtroppo non è decollato quanto ad organizzazione ed attualmente presenta materiali danneggiati e poco decoro al suo interno e all’esterno.

All’incontro hanno preso la parola diversi consiglieri e alcune catechiste, ovvero le persone che maggiormente, per il loro delicato ruolo di formatori cristiani dei bambini, utilizzano la struttura e hanno chiesto un intervento del parroco per porre freno a determinate situazioni che si sono venute a creare al suo interno. La struttura infatti manca di una propria organizzazione e sembra essere sfumata la sua primaria funzione quale punto di incontro dei giovani e delle loro famiglie, a vantaggio unicamente di un uso privato dei singoli per feste di compleanno, cerimonie in generale e scuola di ballo: insomma un utilizzo della struttura come privati e non come comunità. L’organizzazione di feste al suo interno, nelle numerose sale di cui dispone la struttura, dovrebbe infatti rappresentare un aspetto secondario, dal quale ricavare con delle offerte un contributo economico alle ingenti spese necessarie al mantenimento dei luoghi. Dobbiamo prendere esempio da quelle realtà virtuose, quali l’oratorio della parrocchia di Moneta che da anni forma i giovani e vanta una seria ed efficiente struttura organizzativa, con risorse umane e materiali tali da fare di quel sito un porto sicuro per le famiglie. Si ritiene necessario un regolamento interno e un comitato di gestione nonché la presenza di una figura religiosa di riferimento che segua passo passo le attività che si svolgono al suo interno. Si chiede dunque al parroco Don Domenico di intervenire urgentemente ricercando le risorse umane in grado di rilanciare la struttura oratoriale e si invita la comunità a dare il suo contributo di idee e di opere, perché l’oratorio è un patrimonio cittadino e va valorizzato.  

Domenico Lecci – Segretario Consiglio Parrocchiale S.M.M.

 

Condoglianze ai familiari di Maria Francesca Pischedda in Sorba e Leonarda Pirina in Pirina e Sebastiano Scanu che sono tornati alla casa del Padre.

 

  Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

  1) Mercoledì 2 marzo

* Stazione quaresimale al Bambino Gesù (Due Strade) alle ore 17.30.

2) Giovedì 3 marzo

* A Tempio – cattedrale: Giornata penitenziale dei sacerdoti alle ore 16.30.

* Preghiera per le Vocazioni alle ore 17.00.

* La Messa delle ore 18,00 sarà sostituita dalla Liturgia della Parola.

3) Venerdì 4 marzo

* Primo venerdì del mese. Giorno di astinenza dalla carne. Via Crucis.

4) Domenica 6 marzo

* A Tempio- cattedrale: Giornata giubilare per i cori parrocchiali. Riflessione e confessioni (ore 16.30); S.Messa (ore 18.00).

* Scade il termine delle iscrizioni al pellegrinaggio diocesano per l’Anno Santo a Roma (17-18 maggio).

Per i bambini al di sotto dei 12 anni di età è prevista una riduzione della quota di € 25 per la nave e di € 15 per l'aereo.

5) Sabato 12 marzo

* A Tempio S. Giuseppe: Giornata giubilare per le confraternite: riflessione e confessioni (ore 16.30); processione per la cattedrale e S. Messa (ore 18.00).

* Ad Olbia – S. Simplicio: Giubileo zonale (La Maddalena – Arzachena – S. Teresa di Gallura) degli animatori parrocchiali (laici impegnati nella catechesi, liturgia e carità): (ore 10.00).

6) Domenica 13 marzo

* Terzo anniversario dell’elezione di papa Francesco.

* Giornata diocesana dei cresimandi, delle famiglie e padrini (S. Teodoro).

7) Dal 2 al 10 maggio pellegrinaggio parrocchiale ad Assisi e San Giovanni Rotondo. Per informazioni rivolgersi a Paolo Provenzano al numero 3403596991.

 


Avvisi

Parrocchia Agonia di N. S. G.C. – Moneta

 1. Domenica 28 febbraio

Ore 18.00 salone delle conferenze – film “La misericordia è la speranza per il mondo” – video reportage interessante che vi mostra principalmente l'importanza del messaggio della Divina Misericordia trasmesso al mondo contemporaneo tramite Santa Suor Faustina, per la vita degli uomini di oggi. Ci sono belle testimonianze dei giovani e adulti che confermano la grandezza del dono di Dio per noi che è la vita e la missione profetica di Santa Suor Faustina. Il video reportage è stato girato in collaborazione delle Suore della Congregazione della Beata Vergine Maria della Misericordia e delle Suore della Congregazione di Gesù Misericordioso. E un video interessante, molto apprezzato dal pubblico, anche dai giovani. Nell'anno 2008 l'hanno presentato alla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) a Sydney.

2. Mercoledì 2 marzo

Ore 17.30 stazione quaresimale nella chiesa del Bambino Gesù a Due Strade.

3. Giovedì 3 marzo ore 18.30 incontro degli educatori dell’oratorio.

4. Venerdì 4 marzo

Primo venerdì del mese. Adorazione del Santissimo Sacramento dalle ore 16.00.

Ore 17.00 – Via Crucis.

5. Domenica 6 marzo

Ore 18.00 salone delle conferenze film “Faustina” – film biografico sulla vita di suor Faustina Kowalska, mistica polacca che ha ricevuto le rivelazioni di Gesù Misericordioso e diventata l’apostola della Divina Misericordia.

 

Il Bollettino è consultabile anche sul sito:

http://www.lamaddalenadontbeafraid.it

e sulla pagina facebook:

http://www.facebook.co/Parrocchiasantamariamaddalena.it

 

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.