Home
PDF Stampa
Scritto da Administrator   

n° 6 Sabato 6 Febbraio 2016

 

EDITORIALE

 La Misericordia fa fiorire la vita

 MANIFESTO-MISERICORDIA-0602La prima domenica di febbraio, quest’anno il 7, la Chiesa celebra la Giornata per la Vita. La vita è il dono naturale più grande per il quale dobbiamo essere riconoscenti a Dio e ai nostri genitori. Perciò la nostra vita e quella degli altri va rispettata dal suo sorgere nel grembo materno al suo naturale tramonto. Quando la vita è più debole, come nel grembo materno o nella vecchiaia, è più soggetta a pericoli a causa dell’aborto o dell’eutanasia. I vecchi alle volte vengono trascurati e abbandonati. Ma anche i giovani, che sono nel vigore della vita, possono sciuparla, danneggiarla con l’abuso di alcool, di droga, di fumo, con imprudenza nella strada. C’è anche la vita degli operai che non va messa in pericolo con lavori senza sicurezza. La salute dei cittadini esige strutture sanitarie disponili ed efficienti. Si cura la qualità della vita con una casa sana, con l’acqua potabile, cibi sani, aria buona, mare pulito. Nel messaggio dei Vescovi per la Giornata della Vita si fa riferimento all’Anno Santo. La misericordia, “cambia lo sguardo, allarga il cuore, trasforma la vita in dono… ogni figlio che viene al mondo è volto del Signore amante della vita, dono per i suoi genitori e per la società”. A La Maddalena abbiamo il gruppo del C.A.V. (Centro Aiuto per la Vita) una associazione che ha come finalità l’aiuto alle ragazze madri e alle famiglie con bambini piccoli e in difficoltà. C’è il Volontariato Ospedaliero i cui soci visitano e aiutano i malati che non hanno familiari. Ci sono numerose altre associazioni che si dedicano alle persone diversamente abili interessandole in attività artistiche manuali, musicali e di recitazione. Tutti questi sono come il buon Samaritano del Vangelo che davanti all’umanità ferita non passa oltre ma si ferma, l’aiuta , la cura, paga per essa.   

               D.D.

 

RAGGI DI SOLE

 IL CUCCHIAINO

 GELATO-CUCCHIAINO-06022016In questi giorni in cui si sono celebrati diversi funerali, un’ombra di malinconia e di apprensione aleggiava nell’aria e stringeva i cuori. Urge spalancare la finestra dell’anima al sole della Speranza. Ripenso alla vicenda di quella vecchietta che, sul letto dell’Ospedale, parlava col suo Parroco venuto a farle visita. «Il Signore mi ha donato una vita bellissima. Sono pronta a partire», confidava serenamente. «Lo so», mormorò il Parroco. «C’è una cosa che desidero. Quando mi seppelliranno voglio avere un cucchiaino in mano». «Un cucchiaino?». Il buon Parroco si mostrò autenticamente sorpreso. «Perché vuoi essere sepolta con un cucchiaino in mano?». «Mi è sempre piaciuto partecipare ai pranzi e alle cene delle feste in parrocchia. Quando arrivavo al mio posto guardavo subito se c’era il cucchiaino vicino al piatto. Sa che cosa voleva dire? Che alla fine sarebbero arrivati il dolce o il gelato». «E allora?». «Significava che il meglio arrivava alla fine! È proprio questo che voglio dire al mio funerale. Quando passeranno vicino alla mia bara si chiederanno: “Perché quel cucchiaino?”. Voglio che lei risponda che io ho il cucchiaino perché sta arrivando il meglio». Nello stesso reparto della vecchietta, il medico era invece assillato da un altro paziente che aveva una gran paura di morire. «Come sarà quel momento, dottore? Che mi succederà?». Il dottore, udendo dei guaiti, aprì la porta della stanza e subito il cagnolino del malato entrò di gran carriera. Abbaiando e scodinzolando di gioia, saltò sul letto e sommerse mani e volto del padrone di leccatine affettuose. E il dottore disse: «Ecco, sarà proprio così: Qualcuno aprirà la porta e…!». Ne siamo certi, perché Gesù non delude mai. Tiene in serbo anche per noi una straordinaria sorpresa. Se appena riuscissimo ad immaginare un po’ quel che ci attende dietro la soglia dell’eternità, le campane non suonerebbero più a lutto, ma quasi si spezzerebbero per l’impeto dei rintocchi a festa!

Don Paolo Piras

 

FATTI DELLE ULTIME SETTIMANE

 ■ Il Comitato classe ’65 passa il testimone.

Il 30 Gennaio di quest’anno il Comitato ’65 ha passato il testimone al Comitato ’66, presieduto da Gianni Deriu. Vice Presidente Alessandra Latte, Tesorieri Loredana Del Rio e Franca Trimboli, Responsabile della Logistica Adolfo Pais e Responsabile dei Rapporti con il Comune Annita Caria, segretaria Roberta Loi. Sicuro che affronterà l’avventura nel migliore dei modi, il Comitato Classe 1965 rivolge al nuovo Comitato i migliori auguri di buon lavoro. Il Comitato classe ’65 ha goduto dell’aiuto di tantissime persone esterne le quali, grazie alla loro partecipazione hanno contribuito in maniera significativa alla causa, anche con partecipazione economica, nonostante la crisi. I primi ringraziamenti vanno ai ragazzi del Comitato, che hanno volentieri dedicato anima e corpo alla realizzazione di tutti gli eventi, sacrificando tempo libero, famiglia e lavoro. Ai tanti artisti che hanno contribuito concretamente e completamente a titolo gratuito, alla buona riuscita degli eventi. E ai tantissimi collaboratori esterni più giovani e meno giovani, i quali verranno menzionati, uno ad uno in una prossima conferenza stampa. E ai diversi Enti, a tutti gli sponsor. È stata un’esperienza forte ed importante, dalla quale tutti noi abbiamo avuto occasione di imparare nuovi ed imprevedibili aspetti della vita comune e sociale. A Febbraio il Comitato Classe 1965 ha rotto il ghiaccio con dei Balli in maschera e, proseguendo sulla scia delle manifestazioni carnevalesche, ha organizzato la Premiazione Carri del Carnevale Maddalenino. Dopo il Passaggio di consegne tra il Comitato Classe 1964 ed il Comitato Classe 1965, ha avuto luogo l’ormai tradizionale “Sagra dei Zini”, manifestazione gastronomica che è ormai divenuta un appuntamento tradizionale. Il giorno di Pasqua, il Comitato Festeggiamenti Santa Maria Maddalena e Natività Beata Vergine Maria - Classe 1965 ha partecipato all’organizzazione della processione della Santa Patrona. E quindi ecco la “Sagra dei Zerri” il 19 Aprile. Un  appuntamento importante e senza dubbio tra i più impegnativi, è stato quello della Festa della Madonnetta con un buon pranzo e musica dal vivo. E la Funzione Religiosa, la Santa Messa e la Processione accompagnata dalla Banda Musicale San Domenico Savio di Moneta. La novità di quest’anno è stato il Concerto della Madonnetta. Il 18 Maggio il Comitato ha organizzato la Magghju Fest all’insegna di wurstel, patatine e birra, una parodia del famoso Oktoberfest, in Piazza Umberto I. Il Comitato Classe 1965 ha dato il suo contributo per l’organizzazione del concerto, presso il Teatro Longobardo per il giorno 30 Maggio, della Filarmonica Capezzano Monte diretta dal Maestro Marco Pasquini. Il primo Giugno il Comitato ‘65 ha messo in calendario un evento molto atteso da grandi e bambini. Una Mostra di Modellismo alla quale hanno partecipato gli appassionati ed i cultori di questo interessantissimo hobby provenienti da tutta la Sardegna. Il 23 Giugno appuntamento per “La Fogarina di San Giovanni”, grande festa con un’ottima cena, intrattenimento musicale e accensione del tradizionale falò presso la Piazza Don Giuseppe Riva. Il 04 Luglio il Comitato ha contribuito all’organizzazione della commemorazione del 208° anniversario della nascita di Giuseppe Garibaldi, la quale ha visto il Coro Canepa di Sassari che si è esibito presso il Sagrato della Parrocchia S. Maria Maddalena. Il 5 Luglio è la volta del Torneo di Burraco presso gli ex Magazzini Ilva.               (Continua)

 

Giornata della famiglia a Moneta.

Domenica 31 Gennaio è stata celebrata la Festa della Famiglia nella chiesa di Moneta. E’ iniziata con la S. Messa delle ore 10.30, dove erano presenti tante coppie che hanno voluto partecipare a questo momento di preghiera e di affidamento. Don Andrea nell’omelia ha spiegato il contesto dell’Anno della Misericordia e del Family Day che si è svolto a Roma il giorno precedente. Per una “coincidenza”, la lettura del giorno era quella di S. Paolo con l’inno alla carità, lettura spesso utilizzata nel momento della celebrazione del matrimonio, dove dice che la carità tutto copre, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta. Infatti nell’amore di due persone non ci sono solo momenti esaltanti, ma per superare le difficoltà e le prove della vita, ci vuole impegno, costanza e spirito di sopportazione. “La famiglia “inventata” da Dio nel momento della creazione è stata confermata dallo stesso Signore, quando ha scelto di venire sulla terra proprio tramite una famiglia, composta da un uomo e una donna!” Durante l’offertorio, oltre i doni rituali, è stata portata l’Icona della Sacra Famiglia per confermare che essa è modello di fede, di amore e di accoglienza della vita. Poi il quadro di Gesù Misericordioso che verrà portato nelle nostre famiglie come segno del Signore che in questo anno giubilare vuole visitare le nostre case. Molto emozionante il momento del rinnovo delle promesse matrimoniali, dove le coppie si sono scambiati gli anelli, facendole tornare indietro nel tempo. Al termine della Messa è stata letta da tutta l’assemblea la preghiera di Consacrazione della famiglia al Cuore Misericordioso di Gesù. Ci siamo poi ritrovati nel salone dell’Oasi per un aperitivo da gustare insieme e quindi tutti a tavola per un pranzo di condivisione, un pranzo straordinario dove le persone sanno guardarsi negli occhi, scambiarsi parole e sorrisi e quindi volersi bene. Bisogna elogiare la squadra delle persone che sanno organizzare, cucinare squisiti pranzi e lavorare per la buona riuscita della festa, sempre tutti insieme in armonia e collaborazione. Un grazie sentito a Don Andrea che ci rende partecipi di queste straordinarie giornate.    

Maria Vitiello

Festa del Bambino Gesù di Praga

CHIESA-B.GESU-2-STRADEDomenica 31 gennaio un nutrito numero di fedeli e devoti al Santo Bambino Gesù di Praga, nonostante l'inclemenza del tempo, ha affollato la «Chiesetta di Due Strade», a Lui dedicata, per partecipare alla

Santa Messa delle ore 17, officiata dal Parroco, don Domenico Degortes. Erano presenti, oltre qualche bambino, anche devoti provenienti dalla costa gallurese, da Olbia, Tempio ed Arzachena. Hanno accompagnato la Santa Messa i canti proposti dal Coro del Bambino Gesù. L'appuntamento di fine gennaio, ha detto don Domenico nel corso dell'omelia, ci ritrova puntualmente pronti a rivestirci dei panni dell'Umiltà di fronte a Nostro Signore, Re incoronato dei cieli e della terra sin dalla sua infanzia, come mostra l'effigie del Bambinello di Praga. Al termine della Messa, i fedeli hanno potuto partecipare ad un piccolo rinfresco allestito nella saletta attigua alla Sacrestia.

                                         Gianfranco Impagliazzo

Giornata dei malati di lebbra.

Il 31 gennaio u.s. la Giornata per i malati di lebbra che si svolge a livello mondiale, ha ancora una volta visto la generosità dei fedeli della nostra Parrocchia. Le somme raccolte durante le questue sono destinate alla cura di questi poveri nostri fratelli ai quali Gesù aveva riservato la sua potenza con miracolose guarigioni.

Noi possiamo, con la nostra offerta, dar loro la possibilità di bloccare questo male devastante dando la sicurezza di un inserimento in attività tali da consentire la sopravvivenza. Non dimentichiamoli!               

      Anna Maria Gaspa

Annuncio nelle Messe della catechesi neocatecumenale.

"Sabato 30 e domenica 31 gennaio, alla conclusione delle celebrazioni delle messe, nella Parrocchia di Santa Maria Maddalena, nell'oratorio Sacra Famiglia di Padule, nella cappella dell'Ospedale Civile "Paolo Merlo" e nella chiesa del Gesù Bambino di Praga, si sono svolti gli annunci per l'inizio di una nuova Catechesi del Cammino Neocatecumenale.

Nella Chiesa primitiva, quando il mondo era pagano, chi voleva farsi cristiano doveva iniziare un «catecumenato», cioè un itinerario di formazione per prepararsi al Battesimo. Poichè oggi il battesimo viene celebrato poco dopo la nascita, l'itinerario di formazione al cristianesimo viene proposto dal Cammino. E' un percorso di conversione e di riscoperta della fede all'interno della Chiesa, e della presa coscienza della presenza del Signore nella vita di tutti i giorni. Le catechesi sono iniziate martedì 2 febbraio alle ore 18,45 nella biblioteca Parrocchiale, in piazzetta Amsicora, e si svolgeranno tutti i martedì e i giovedì dalle 18,45 alle 19,45 per circa un mese. Siamo tutti invitati a partecipare!".                                   

 Simone Sotgiu

Visita alla cattedrale di S. Maria Maddalena a Lanusei.

CHIESA-LANUSEI-06022016Martedì 26, don Domenico, insieme col segretario del Consiglio Pastorale Parrocchiale Domenico Lecci, hanno fatto visita al Parroco di S.Maria Maddalena a Lanusei don Minuccio Stocchino. Quella chiesa è la cattedrale della diocesi dell’Ogliastra e, tra le chiese dedicate in Sardegna a Santa Maria Maddalena, una delle più importanti. È più piccola della nostra, ma è tutta decorata, cosi come lo era la nostra anticamente. Inoltre custodisce alcuni preziosi dipinti dell’artista Mario Delitala che operò negli anni trenta ed ebbe l’incarico di decorare la cattedrale di S. Maria Maddalena a seguito del trasferimento della sede episcopale da Tortolì a Lanusei. Gli oli su tela, da poco restaurati col contributo della Soprintendenza di Sassari e Nuoro e del Comune di Lanusei, rappresentano Maria Maddalena prima della conversione, Maria Maddalena in preghiera, Maria Maddalena penitente e Maria Maddalena santa. In quegli anni il pittore aveva decorato anche l’Aula Consiliare di Nuoro, l’Aula Magna dell’Università di Sassari e la Cattedrale di Alghero. C’è anche un altro dipinto del Delitala, che rappresenta Maria Maddalena nella deposizione di Gesù dalla croce. Col parroco, era presente anche il Presidente del Comitato Festeggiamenti di Lanusei. Si è parlato di come a La Maddalena si organizza la festa della Santa Patrona e come viene organizzata a Lanusei che è un centro di 5 mila abitanti e in costante diminuzione. Interessante l’usanza a Lanusei nel giorno della festa mandare un pacco dono (dolci e vino) a tutti i malati perché, non potendo partecipare alla festa fisicamente, possano parteciparvi spiritualmente. Alla fine della visita don Stocchino ha donato alcuni libretti illustrativi della cattedrale di Santa Maria Maddalena e la delegazione maddalenina ha donato il libro delle stampe di S. Maria Maddalena custodite nel museo diocesano e gli atti del convegno internazionale tenuto una decina di anni fa a La Maddalena sulla Santa Patrona.

 

Condoglianze ai familiari di Giovanna Salese ved. Frassetto, Agostina Atzeni, Anna Scotto e Gavino Manca che sono tornati alla casa del Padre.

 

Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

 1) Domenica 7 febbraio

* Giornata per la vita. S. Messa alle ore 11.00 con i bambini nati nell’anno 2015.

* Dalle ore 12.00 alle ore 18,30: Sante Quarantore (esposizione solenne annuale del Santissimo Sacramento).

 

2) Lunedì 8 e martedì 9 febbraio

* Dalle 9,30 alle 18.30: Sante Quarantore.

 

3) Mercoledì 10 febbraio

* Mercoledì delle Ceneri e inizio della Quaresima (giorno di astinenza dalla carne e di digiuno).

 

4) Giovedì 11 febbraio

* Memoria della Madonna di Lourdes e Giornata del malato (da noi posticipata al 13).

 

5) Venerdì 12 febbraio

Ore 17,15 Via Crucis.

 

6) Sabato 13 febbraio

Ore 17.00: celebrazione della Messa del Vescovo Mons. Sanguinetti per la Giornata del Malato (invitare e portare i malati che possono e desiderano partecipare). Visiterà poi l’Ospedale e la Comunità alloggio Padre Salvatore Vico a Moneta. Non ci sarà la Messa delle ore 18.00, né quella dell’ospedale, né quella della Trinita.

 

7) Mercoledì 17 febbraio

Ore 17.30: Prima stazione quaresimale interparrocchiale alla Trinita.

 

8) Venerdì 19 febbraio

Ore 21,15 Consiglio Pastorale Parrocchiale nella Biblioteca parrocchiale “Mons. Capula”, tema: l’Oratorio parrocchiale.

 

9) Sabato 20 febbraio

Ritiro spirituale di Quaresima per animatori.

 

 

Avvisi

Parrocchia Agonia di N. S. G.C. – Moneta

 Domenica 7 febbraio

Giornata per la vita. Nella chiesa di S. M. Maddalena S. Messa alle ore 11.00 con i bambini nati nell’anno.

 

2. Mercoledì 10 febbraio

Mercoledì delle Ceneri – inizio della Quaresima.

ore 17.30 - S. Messa con imposizione delle ceneri.

Inizio dell’adorazione eucaristica “Quarant’ore” mercoledì - venerdì: 9.30 – 11.30; 15.00 – 17.30.

 

3. Venerdì 12 febbraio

Ore 17.00 – Via Crucis.

 

4. Sabato 13 marzo

Ore 17.00 – chiesa di S. M. Maddalena S. Messa presieduta da Mons. Sanguinetti in occasione della Giornata del Malato.

 

 Avvisi

Parrocchia Madonna della Medaglia Miracolosa

 1. Mercoledì 10 febbraio

Le Ceneri. S.Messa e imposizione delle Ceneri alle ore 18,30.

 

2. Venerdì 12 febbraio

Via Crucis ore 18,00, S.Messa ore 18,30.

 

Il Bollettino è consultabile anche sul sito:

http://www.lamaddalenadontbeafraid.it

e sulla pagina facebook:

http://www.facebook.co/Parrocchiasantamariamaddalena.it

 

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.