Home Calendario A.D. 2003
PDF Stampa

Calendario Iconografico promosso dal "CO.RI.S.MA."

frontecalendario2003Dalle stampe antiche di Giusto DAVOLI e Antonio FRAU, "Santa Maria Maddalena" il Centro Ricerche Storiche Maddalenine    e il Centro Studi e Documentazione Biblio - Iconografica Magdalenica  hanno ideato e promosso un calendario iconografico dedicato a Santa Maria Maddalena nell'ambito delle proprie iniziative statutarie di promozione ed incremento degli studi storici di interesse maddalenino ed è stato realizzato grazie al contributo della Ditta RIVA - Pittori, decoratori fornitore ufficiale del teatro alla Scala di Milano di Enzo Costantini e C. Trezzano sul Naviglio - Milano.e offerte e i contributi saranno utilizzati per il restauro e la pulitura del Crocefisso e dei candelieri donati alla Comunità maddalenina dall'Ammiraglio Orazio Nelson nel 1804.


 

Alcuni stampe del calendario: Aprile - Maggio - Settembre

stampaaprile2003Le tre Marie al Sepolcro
Bernard PICART (Parigi, 1673 - Amsterdam, 1733)Incisione all'acquaforte di mm 112x90 (lastra mm 120x95), da un disegno di Salvator Rosa. L'artista coglie con grande naturalezza l'atteggiamento delle tre Marie che, davanti al Sepolcro vuoto, non osano entrare, ma cercano di scorgere al di là dell'apertura ogni particolare. Anche la tecnica dell'acquaforte è usata in modo da imitare la spontaneità del disegno alla penna, tanto che la piccola immagine ha una vivacità ed un'immediatezza straordinarie.

 

 

stampamaggio2003 
La Maddalena in preghiera davanti al Crocefisso
Francesco van der STEE (Anversa, 1625 circa - Vienna 1672)Incisione all'acquaforte mm 148x120 (lastra mm 163x125), da un dipinto di Guido Reni, eseguita nel 1658 per: Theatrum Pictorium.Bruxelles, David Teniers il giovane, 1660 (con edizioni successive fino alla metà del Settecento, nelle quali le tavole sono numerate).
Il pittore ha qui ripetuto gli elementi caratteristici della raffigurazione della Santa: la bellezza, i lunghi capelli biondi, l'abito discinto, ma con tanta delicatezza che nell'immagine l'eleganza non altera il significato religioso.

 

La Maddalena nel deserto

stampasettembre2003Stefano MULINARI (Firenze, 1741 circa - 1790 circa)

Incisione all'acquaforte e all'acquatinta di mm 205x137, da un disegno dello Spagnoletto. La Santa è vista qui come il prototipo degli eremiti e dei penitenti, i cui attributisono il Crocefisso ed il libr, per meditare, ma anche il teschio per ricordare la vanità della vita e la disciplina per condividere le sofferenze di Cristo.

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.