Home Maria l'Egiziaca
PDF Stampa
Scritto da Administrator   

- Maria Egiziaca -

mariae1..... racconto della sua vita, storia o leggenda che sia, è un vero e proprio romanzo: e un romanzo a forti tinte, di netto rilievo e potente chiaroscuro. La versione più drammatica e più nota di questo racconto, è quella che la stessa protagonista avrebbe narrato all'Abate Zosimo, il quale, percorrendo il deserto, si imbatté in una straordinaria figura. Questa, scrive fra Domenico Cavalca nelle sue Vite de' Santi Padri, era «come una persona nuda, col corpo nero e secco per lo sole, e coi capelli canuti bianchi come lana ». Era una donna, e dopo tanti anni di silenzio, narrò finalmente la propria vicenda a Zosimo, che l'ascoltò in ginocchio.
A 12 anni, Maria detta Egiziaca perché nata in Egitto, aveva abbandonato i genitori per andare ad Alessandria, metropoli dei traffici e dei vizi. In quella città, deliberatamente e ingordamente, si era immersa nel peccato facendosi, per diciassette anni, pubblica meretrice, finché un giorno vide una nave prossima a far rotta, con a bordo un inconsueto equipaggio. Chiese chi fossero e dove andassero. Le fu risposto che erano pellegrini diretti a Gerusalemme per la festa dell'Esaltazione della Croce. Salì anch'ella a bordo, e durante il viaggio riuscì a corrompere con le sue seduzioni gran parte dei pellegrini poco devoti.
Il giorno della cerimonia, giunta sulla soglia del tempio, venne trattenuta da una forza misteriosa. Impaurita, alzò gli occhi ad un'immagine della Santa Vergine, e una preghiera le salì spontanea alle labbra, E con la preghiera, venne il pentimento dei suoi peccati. E col pentimento, il proposito di mutar vita e di espiare.
Poté allora entrare in chiesa e adorare il sacro legno della croce. Ma non vi restò a lungo.
Se tu passi il Giordano troverai la pace », le aveva detto la Madonna. E il giorno dopo, confessata e comunicata, Maria Egiziaca passò il fiume, oltre il quale si stendeva il deserto dell'Arabia.
Da allora, per 47 anni, la meretrice d'Alessandria era restata nel deserto, sempre sola, senza incontrare né uomini né animali. La carne s'era disseccata; i capelli eran cresciuti incolti, sbianchiti dal sole e dall'età, ma, secondo la promessa della Vergine, aveva trovato in quel deserto inospitale la pace della sua anima.
Chiese a Zosimo di tornare un anno dopo a portarle i Sacramenti. Un anno dopo Zosimo giunse infatti con l'Eucarestia sulla riva del Giordano, ed ella passò a piedi asciutti il fiume che s'aprì davanti a lei. Poi sparì di nuovo nel deserto, dopo aver pregato l'Abate di tornare a cercarla l'anno dopo.
Ma passati i dodici mesi, quando il vecchio affrontò di nuovo i giorni di viaggio nel deserto, non trovò che il cadavere risecchito della Santa penitente. Un leone le scavò con le sue zampe la fossa, ricoprendo di terra la salma. Solo allora Zosimo seppe il nome della donna: era scritto sulla sabbia: Maria l'Egiziaca.
fonte: (Piero Bargellini, Mille Santi del giorno, Vallecchi editore, 1977)
 
Copyright © 2019 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.