Home
PDF Stampa
Scritto da Administrator   

n° 51 Sabato  23 Dicembre2017

lettere-Buon-Natale

EDITORIALE

IL NATALE, INVITO ALLA DANZA DEL SÌ

BAMBINELLO-23122017Natale è il sì del Figlio di Dio al Padre. Cristo entrando nel mondo dice: “Ecco io vengo per fare, o Dio, la tua volontà”. Nel sì di Cristo, Dio ha realizzato le sue promesse: pace, giustizia, amore, vita piena. Il sì di Cristo richiede il sì di Maria, che dice al messaggero di Dio: “Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola”. Chiede anche il nostro sì. Anche noi, grazie a Gesù e alla fede in lui, possiamo entrare nella danza del sì, divenire come lui figli ed esserlo veramente, essere luoghi dove chi ci incontra gode anticipi di futuro: amore gratuito, accoglienza, condivisione, gioia. Sappiamo che l’impatto sul clima del nostro stile di vita finisce sul conto di popoli che non c’entrano e che si stupiscono di non rivedere più la pioggia a suo tempo. Uomini e donne che dicono sì a Dio. Una vita in obbedienza a colui che ci ha fatti non sembra più di moda nella nostra cultura che ci spinge a realizzarci autonomamente. È la prima tentazione e quella di sempre: l’uomo che si fa Dio. Ci facciamo padroni della vita nel suo sorgere e nel suo tramonto. Ci facciamo padroni del creato. Sconvolgiamo la legge divina del matrimonio. La produzione e l’uso delle armi si estendono, la fame sfida milioni di persone, l’ingiustizia è il pane quotidiano di intere popolazioni, la fuga di tante persone è ricerca di sopravvivenza e di futuro. Come i pastori nella notte, obbedendo all’invito degli angeli, possiamo prendere la strada verso quel punto luce e arrivati, restare in silenzio. Contemplare quel sì, lasciarsene assimilare mettendo gioiosamente a disposizione del Padre la nostra esistenza, certi che lui realizzerà le sue promesse. Diceva il vescovo Tonino Bello: “Mettiamoci in cammino senza paura. Il Natale ci farà trovare Gesù e, con lui il bandolo della nostra esistenza redenta, la festa di vivere, il gusto dell’essenziale, il sapore delle cose semplici, la fontana della pace, la gioia del dialogo, la voglia dell’impegno storico, lo stupore della vera libertà, la tenerezza della preghiera. Allora finalmente il cielo della nostra anima sarà illuminato di stelle”. Sarà un Natale col sì. Un Buon Natale. Auguri.            

                                   D. D.

 

RAGGI DI SOLE

 NON C'È POSTO NELLA LOCANDA!

SACRA-FAMIGLIA-23122017Guido Purlini aveva 12 anni e frequentava la prima media. Era già stato bocciato due volte. Era un ragazzo grande e goffo, lento di riflessi e di comprendonio, ma benvoluto dai compagni. L'avvenimento più importante della scuola, ogni anno, era la recita natalizia. A Guido sarebbe piaciuto fare il pastore con il flauto, ma la signorina Lombardi gli diede una parte più impegnativa, quella del locandiere, perché comportava poche battute e il fisico di Guido avrebbe dato più forza al suo rifiuto di accogliere Giuseppe e Maria. La sera della rappresentazione c'era un folto pubblico di genitori e parenti. Nessuno viveva la magia della santa notte più intensamente di Guido Purlini. E venne il momento dell'entrata in scena di Giuseppe, che avanzò piano verso la porta della locanda sorreggendo teneramente Maria. Giuseppe bussò forte alla porta di legno inserita nello scenario dipinto. Guido il locandiere era là, in attesa. «Che cosa volete?» chiese Guido, aprendo bruscamente la porta. «Cerchiamo un alloggio». «Cercatelo altrove. La locanda è al completo». «Signore, abbiamo chiesto ovunque invano. Viaggiamo da molto tempo e siamo stanchi morti». «Non c'è posto per voi in questa locanda», replicò Guido con faccia burbera. «La prego, buon locandiere, mia moglie Maria, qui, aspetta un bambino e ha bisogno di un luogo per riposare. Sono certo che riuscirete a trovarle un angolino. Non ne può più». A questo punto, per la prima volta, il locandiere parve addolcirsi e guardò verso Maria. Seguì una lunga pausa, lunga abbastanza da far serpeggiare un filo d'imbarazzo tra il pubblico. «No! Andate via!» sussurrò il suggeritore da dietro le quinte. «No!» ripeté Guido automaticamente. «Andate via!». Rattristato, Giuseppe strinse a sé Maria, che gli appoggiò sconsolatamente la testa sulla spalla, e cominciò ad allontanarsi con lei. Invece di richiudere la porta, però, Guido il locandiere rimase sulla soglia con lo sguardo fisso sulla miseranda coppia. Aveva la bocca aperta, la fronte solcata da rughe di preoccupazione, e i suoi occhi si stavano riempiendo di lacrime. Tutt'a un tratto, quella recita divenne differente da tutte le altre. «Non andar via, Giuseppe» gridò Guido. «Riporta qui Maria». E, con il volto illuminato da un grande sorriso, aggiunse: «Potete prendere la mia stanza». Secondo alcuni, quel rimbambito di Guido Purlini aveva mandato a pallino la rappresentazione. Ma per gli altri, per la maggior parte, fu la più natalizia di tutte le rappresentazioni natalizie che avessero mai visto.

E se Giuseppe e Maria bussassero al nostro alloggio?................   

                           Don Paolo Piras

 

 

I FATTI DELLA SETTIMANA

 Cori natalizi nella chiesa di Santa Maria Maddalena. In occasione della Novena, che ci prepara al Santo Natale, nella Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Maddalena nei giorni sabato 16 alle ore 21 e martedi 19 alla conclusione della novena, si sono svolti due concerti, il primo organizzato dall'associazione dal Coro e gruppo strumentale Città di Olbia, diretto dal Maestro Tonino Delitala in occasione del 450° anniversario della nascita di Claudio Monteverdi; il secondo dal coro Voci nel Blues, diretto dal Maestro Vincenzo La Cava, in concomitanza con l'apertura del Presepe realizzato dal Comitato Festeggiamenti Santa Maria Maddalena Classe 67.         

    Caterina Spezziga

 

Il secondo incontro per le famiglie a Moneta

Continua il cammino interparrocchiale che vede al centro le famiglie; domenica 17 dicembre nel salone delle conferenze dell'Oasi Serena si è svolto il secondo incontro dal tema "Io accolgo te", tenuto dall’ormai nostro stimato don Valerio Baresi. Oltre alla sua preparazione in problematiche familiari e di coppie, ha saputo catturare l'attenzione dei presenti, anche più numerosi della volta scorsa, esprimendo al meglio la sua esperienza. Durante il momento di convivialità, mentre si gustavano vere prelibatezze, non sono mancati i commenti favorevoli dei partecipanti. Attendiamo ora il prossimo incontro che si terrà a gennaio a cui invitiamo tutte le coppie e anche i single a partecipare per crescere nello spirito familiare.

           Maria Vitiello

 

PRESEPE-CLASSE-'67-23122017 Il presepio: ultima e bella opera del Comitato Classe ’67. Martedì 19 dicembre al termine del concerto natalizio de “Le Voci nel Blues”, sulle note della bellissima “Silent night”, è stato aperto il presepe preparato dal comitato classe ‘67.

 Un momento di forte emozione per tutta la Comunità raccolta nella parrocchia. L’allestimento ha richiesto tempo, idee, creatività, impegno, cura e devozione. Ma siamo soddisfatti! Abbiamo voluto mettere in risalto le figure della natività; il nostro è un presepe ”essenziale” adatto a cogliere il significato profondo del Santo Natale. Guardandolo immaginiamo la nascita di Gesù, la luce, la pace, la povertà, il rifiuto. Portiamo a Gesù quello che siamo: le nostre debolezze e le nostre speranze. E come i pastori di Betlemme possano i nostri occhi riempirsi di stupore e meraviglia contemplando Gesù  Bambino.

Per noi, la realizzazione del presepe, è stato l’ultimo impegno di un anno splendido e davvero speciale. Ci è gradita l’occasione per ringraziare la Comunità di averci accompagnato e sostenuto in questi mesi e per porgere i migliori auguri di pace e serenità per le feste ormai prossime.

Il presidente S. Caboni e tutto il Comitato Classe ‘67

 

■ La Caritas della parrocchia di Santa Maria Maddalena ringrazia

A pochi giorni dalla grande festa del Natale, vogliamo ringraziare la comunità dell'aiuto e sostegno che durante l'anno ha espresso a favore delle tante persone che attraversano un periodo di difficoltà. Le offerte in viveri e denaro, giunte in diversi periodi dell'anno, unite a quanto inviato dalla Caritas diocesana, ci hanno consentito di intervenire nel sostenere persone e famiglie in situazioni di disagio. Anche la Vendita annuale di beneficenza, svoltasi all’Immacolata, è stata accolta con interesse: abbiamo realizzato €1320. Quanto raccolto ci permetterà di far fronte alle diverse necessità che si presenteranno nei prossimi mesi. Siamo grati a nostro Signore per questa nostra comunità capace di attenzione e generosità anche in momenti difficili. Continueremo a pregare perché non manchino uomini e donne di buona volontà che si dedichino con gratuità al servizio dei bisognosi della nostra isola. A tutti, grati e con cuore sincero, auguriamo Buon Natale.

                  Le volontarie della Caritas

 

■ Vendita di beneficenza del gruppo missionario

Anche quest’anno il gruppo missionario ha preparato vari lavori, utilizzandoli per una vendita di beneficenza per aiutare i bambini con l'adozione a distanza e anche quelli più vicini. Recentemente, insieme all'Infanzia missionaria, ha realizzato un progetto di €780,00 per il Brasile Nutrivida. Quest'anno il ricavato é stato suddiviso tra Moneta e La Maddalena che é stato di €350,00. Tante gocce che servono a dare un po’ di speranza e di amore a chi ne è privo. Grazie a don Domenico che ci ha permesso di usufruire della biblioteca della chiesa e a tutte le persone che contribuiscono alla realizzazione di opere di misericordia. L'augurio di un sereno Natale con Gesù nel cuore.        

              Il gruppo missionario di Moneta

 

Primo incontro del consiglio pastorale

Lunedì 18 dicembre, dopo la Novena, nella biblioteca parrocchiale si è svolto il primo incontro del nuovo consiglio pastorale. Un momento di presentazione dei vari membri e di ringraziamento per la loro disponibilità a questo servizio. Si è presentato infine il ruolo del consiglio pastorale, che è quello di affiancare i sacerdoti nell’analizzare la situazione della comunità e programmare un azione di evangelizzazione.

  

Museo Diocesano

PRESEPE-MUSEO-23122017Durante questo periodo natalizio e fino a lunedì 8 gennaio incluso il Museo Diocesano “La Maddalena” è aperto alle visite guidate dalle 10.30 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 18.00 dal lunedì al sabato, con possibilità di visita anche in orari diversi e la domenica, osservando un’apertura straordinaria per domenica 24 dicembre agli orari indicati.

  In occasione delle festività natalizie all’interno del museo è stata allestita una piccola mostra mercato di prodotti artigianali provenienti dal monastero sardo di San Pietro di Sorres e da altri monasteri della penisola. È stata arricchita la sezione dei libri sulla nostra Patrona e su alcuni protagonisti della cultura sarda e quella sulle pubblicazioni riguardanti la storia della Sardegna e la sua Chiesa.  Per onorare il Santo Natale anche il Museo è stato addobbato per l’occasione, dando visibilità al presepio realizzato dal caro don Antonello. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere al numero 349 1534391 o scrivere all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . 

 

Storie e tradizioni Natalizie nell’Arcipelago della Maddalena (seconda parte).

Anche l’Istituto San Vincenzo con il suo ospizio per anziani e ricovero per ragazzi poveri e senza famiglia, contribuiva a realizzare il presepe. Ogni suora o consorella dell’Istituto, all’avvicinarsi del Natale, creava in modo artistico un presepe di cui tutti erano orgogliosi per aver partecipato a farlo. Si faceva a gara chi portava più muschio, chi si inventava a fare la notte ed il giorno, chi insegnava le canzoni di Natale, tutto doveva essere all’insegna che il Natale ci fa tutti buoni e cari alla Chiesa di DIO. Oggi nel presepio che viene allestito all’interno dell’Istituto, molte volte con l’aiuto dei genitori dei ragazzi che frequentano l’asilo e le elementari, sembra quasi di essere in quei luoghi della Palestina, visto come realmente vengono vestiti i manichini come allora e le strutture abitative della città di Betlemme. Nell’Ospedale Militare, ormai chiuso da molto tempo, dove prestavano il loro servizio le suore vincenziane, nella cappella adiacente all’ospedale si realizzavano dei presepi, con l’aiuto dei militari e delle stesse religiose. I cappellani militari con i suoi coscritti, sottufficiali e ufficiali, realizzavano con quello che potevano trovare piccoli presepi negli uffici, nella sala mensa e nel ricreatorio, tutto serviva a far festa in una data molto importante per noi Cristiani. Con l’arrivo del cappellano militare Don Paolo Di Domenico, con la costruzione della nuova Chiesa “Parrocchia Militare della Madonna della Medaglia Miracolosa”, con l’aiuto delle scuole di primo grado dell’isola, si realizzò presso i giardini di Due Strade un presepio vivente, con il supporto della Marina Italiana e quella Statunitense, dove i ragazzi, con l’aiuto dei genitori, davano vita alla storia della nascita di Gesù. Con la nascita della chiesa di Moneta, il presepio veniva realizzato con l’aiuto di tutti, anche delle maestranze della Marina. Oggi a Moneta, nel parco dei giardini dell’Oasi Serena dello stesso istituto della parrocchia, esiste un presepio perenne in ferro che durante le festività viene illuminato, ed anche nei giardini vicini alla piazza di Moneta, esistono delle statue in trachite rossa  di Banari (Sassari) per il “Presepe Francescano permanente sottomarino” realizzato dal Maestro scultore Giuseppe Carta, che doveva essere destinato ad essere sommerso nelle grotte di Spalmatore, ci auguriamo che questo avvenga al più presto.

Un grande presepio in mezzo al mare è il logo dell’annullo postale che avverrà il 23 dicembre 2017, che rientra dentro la mostra filatelica dedicata al Natale che si terrà nell’atrio comunale dal 22 al 24 dicembre.   

                              Antonio Remigio Pengo

 

■ Calcio CSI

La nona giornata del campionato di calcio del Centro Sportivo Italiano Comitato Gallura Anglona di Tempio Pausania si è svolta il giorno 16 dicembre ed ha visto le due squadre delle Parrocchie maddalenine entrambe sconfitte. La squadra del Santo Stefano ha perso per una rete a zero ad Aggius con la squadra prima in classifica che ha conseguito 9 vittorie su 9 incontri disputati , mentre il Real Moneta ha perso lincontro a casa con Sporting Erula per tre reti a due. A seguito dei predetti risultati il Santo Stefano con quattro punti in classifica (una vittoria, un pareggio e sei sconfitte) ricopre lultimo posto in solitario, ma si consola con il primo posto nella classifica disciplina, mentre il Real Moneta con otto punti (due vittorie, due pareggi e quattro sconfitte) ricopre il terzultimo posto in classifica, ed ugualmente il terzultimo posto nella classifica disciplina. La decima giornata è fissata in calendario per il giorno 23 dicembre e ved impegnato il Santo Stefano al Delfino con la squadra La Ciaccia alle ore 15,00, mentre il Real Moneta, sempre alle ore 15,00 giocherà in trasferta con la Muddizza. 

    Tore D’Apice

 

■ Auguri ai neobattezzati Simone e Giorgia.

 

Condoglianze ai familiari di Lorenzo Porcheddu, Francesco Di Fraia, Vincenzo Spanu, Eugenio Achenza e Maria Giuseppa Villani ved. Derosa che sono tornati alla casa del Padre celeste.

 

 

Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

 1) Domenica 24 dicembre

IV Domenica di Avvento.

* Giornata del Seminario.

* Ore 17.30 in parrocchia: Novena di Natale (ultimo giorno)

* Ore 18.00: S. Messa della vigilia.

* Ore 23,15: Veglia di Natale (Ufficio delle Letture) e Messa della notte.

2) Lunedì 25 dicembre

* Natale del Signore. Le Messe come la domenica. Alla fine della Messa: bacio del Bambinello.

3) Martedì 26 dicembre, fra l’ottava di Natale

* Festa di santo Stefano, primo martire.

* Le Messe alle ore 8.30, 11.00 e 18.00.

4) Mercoledì 27 dicembre, fra l’ottava di Natale

* Festa di san Giovanni, apostolo ed evangelista.

5) Giovedì 28 dicembre, fra l’ottava di Natale

* Festa dei santi Innocenti, martiri

6) Sabato 30 dicembre, fra l’ottava di Natale

* Ore 17.00 presso la sala Sacra Famiglia (Crocetta): santa Messa nella vigilia della festa della Santa Famiglia.

7) Domenica 31 dicembre, fra l’ottava di Natale

* Festa della Santa Famiglia di Gesù, Maria e Giuseppe.

* Ore 18.00: Messa di fine anno e Te Deum di ringraziamento.(Non ci sarà la S.Messa delle ore 17,00 alla Sacra Famiglia).

8) Lunedì 1 Gennaio 2018, ottava di Natale.

* Solennità di Maria Santissima Madre di Dio.

* Le S. Messe come la Domenica.

* Giornata della Pace.

* Prossimamente inizierà un corso di formazione liturgica per lettori nella Messa. Chi è interessato dia il suo nominativo in segreteria.

 

 

Avvisi

Parrocchia Agonia di N.S.G.C. – Moneta

 1. Domenica 24 dicembre

Di mattina le S. Messa come ogni domenica.

Ore 17.15 ultimo giorno della Novena di Natale

Ore 23.15 Veglia di Natale preparata dal Coro S. Giovanni Paolo II e Gruppo Teatrale del nostro Oratorio.

24.00 - S. Messa del Natale del Signore

2. Lunedì 25 dicembre

Natale del Signore - Sante Messe come ogni domenica.

3. Martedì 26 dicembre

Santo Stefano Ore 17.30 – Santa Messa

4. Domenica 31 dicembre

Sante Messe come ogni domenica.

  • ore 17.30 – la Santa Messa e Te Deum della fine dell’anno.

5. Lunedì 1 gennaio 2018

Solennità di Maria Madre di Dio – le Sante Messe come ogni domenica.

6. Sabato 6 gennaio 2018

Nella Chiesa di S. Maria Maddalena ore 19.00 – concerto dell’Epifania della Banda San Domenico Savio. “Piccolo Principe. Fiaba musicale per voce narrante e banda”

 

 
Copyright © 2018 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.
 

LOGO-250-ANNI-PARROCCHIA

 

FESTIVITA'-SMM-07072018

pulsante facebook

EVENTI-SMM-07072018-SMAL

lamaddalenadontbeafraid