Home
PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   

n° 41 Sabato 14 Ottobre 2017

EDITORIALE

Auguri, Maddalena!

LOGO-BICENTENARIO-14102017Buon compleanno! Hai compiuto 250 anni. Sei ancora una giovane comunità ma già ricca di storia. Sei nata da un connubio tra un gruppo di pastori corsi e la Marina sarda. Alla tua nascita avevi già un ministro di Dio perché la fede ti sostenesse e ti illuminasse lungo il cammino. Fin dall’inizio hai scelto come tua patrona e modello Maria Maddalena, posseduta dall’amore di Cristo, fedele a lui fin sotto la croce e poi partecipe della sua gloria. Il tuo dialetto è corso, la Marina è nel tuo sangue. Non dimenticare le tue radici per comprendere  meglio te stessa e il tuo ruolo. Hai conosciuto momenti di gloria e di umiliazione, tempi di benessere e di ristrettezza, tempi di crescita e tempi di sfollamento. Ringrazia il Signore per tanti doni che ti ha fatto. Hai una posizione strategica che sempre ti è stata riconosciuta. Hai un mare splendido, famoso, ammirato, ricercato, splendide isole. Custodisci le tue bellezze! Non sciuparle, non permettere che siano deturpate. Preparati al futuro, esso richiede sacrifici. Non ci sono gli stipendi statali di una volta, ma tu sii creativa, e abbi quella inventiva che dimostrano tanti tuoi giovani sparsi per il mondo. Fonda la tua esistenza sui valori umani e cristiani, come ti ha esortato papa Francesco nel suo messaggio di augurio. Considera la comunità familiare la tua prima risorsa. Non temere di generare figli, senza di essi non avrai futuro. Prepara i tuoi giovani alla vita, nella responsabilità. Non lasciare soli i tuoi anziani, essi sono la tua saggezza. Non isolarti, ma condividi le gioie e le sofferenze delle comunità vicine. Hai partecipato alla storia d’Italia e d’Europa, non perderti in cose insignificanti e in litigiosità, partecipa alle grandi idee che fanno la storia. Il dialogo e l’unità hanno portato sempre progresso e sviluppo, fai della tua comunità un laboratorio di dialogo e di concordia. Buon cammino! La Madonna e Santa Maria Maddalena ti accompagnino! 

            D.D.

   RAGGI DI SOLE

 LA MACCHIOLINA

MACCHIA-14OTTOBREUn insegnante entra in classe con un grande foglio bianco, sul quale si scorge a malapena una piccola macchia d’inchiostro, e mostrandolo ai ragazzi domanda: «Che cosa vedete qui?» tutti rispondono: «Una macchia d’inchiostro!». «E nient’altro?», insiste il maestro. Gli alunni spalancano gli occhi e confermano di non notare altro all’infuori di quella macchiolina. Nessuno sembra accorgersi del grande foglio bianco. Nel grande foglio bianco della vita quotidiana, la cronaca – attraverso i moderni e sempre più sofisticati mezzi di comunicazione – ci rovescia addosso valanghe di notizie da brivido: furti, corruzione, bullismo, stupri, femminicidi, violenze d’ogni genere che non risparmiano nessuno e s’accaniscono molto spesso sui più deboli e indifesi… Se un albero cresce, tutti tacciono, però se cade una foglia, stampa e televisione fanno a gara per darne notizia al mattino e alla sera. Ma anche tra la cronaca nera si fa discriminazione: se salta fuori una caso di pedofilia tra persone di Chiesa, trombe e tromboni e tamburi si danno da fare per riferirlo nel più breve tempo possibile, ma di fronte al persistente massacro di bambini trucidati con l’aborto, silenzio e noncuranza!... In difesa degli innocenti solo la voce di chi riconosce la sacralità inviolabile della vita umana: voce che non punta il dito accusatore contro nessuno e rispetta anche chi la pensa diversamente. Ma chi la pensa diversamente non fa altrettanto, bensì cerca ogni pretesto per mettere a tacere e contraddire chi osa sostenere la verità. Tuttavia, grazie a Dio, il bene va avanti, magari silenzioso e perseguitato, ma più potente del male. La Verità, pur se le tappano la bocca, sa farsi sentire ugualmente perché è più forte della menzogna. Nessuna macchia, per quanto nera e grande, può oscurare il foglio bianco della nostra vita se affidato alle mani di Dio.           

                   Don Paolo Piras

 

 

I FATTI DELLA SETTIMANA

 Pellegrinaggio interparrocchiale a La Muddizza

CHIESA-LA-MUDDIZZA-14102017La mattina del 7 ottobre, proprio mentre il sole spuntava dietro Caprera, il traghetto si staccava dalla banchina e cominciava così il nostro viaggio. Nel giorno della Madonna del rosario in un pellegrinaggio interparrocchiale, siamo andati a La Muddizza per onorare la Madonna di Fatima nella chiesa che Papa Francesco ha dichiarato giubilare. Sta per terminare l'anno del centenario delle sue apparizioni ai tre pastorelli e non potevamo mancare a questo appuntamento. Durante il viaggio, accompagnati da un sole splendente, abbiamo recitato il rosario mentre ammiravamo la bellissima costa sulla strada di S.Teresa. A quelli che non mancano quasi mai ai pellegrinaggi, se ne sono aggiunti altri e qualcuno anche proveniente da Olbia: eravamo in 45, un bel numero, segno questo di affetto, di devozione e amore verso la Madonna. Arrivati alla bella chiesa di Nostra Signora di Fatima, che è tutta in pietra arenaria lasciata a vista, ci ha accolto con grande entusiasmo il parroco don Giampaolo Pais, il quale ci ha spiegato che la chiesa è stata intitolata alla Madonna di Fatima, dopo la donazione, da parte del Papa Pio XII, della bellissima statua, arrivata direttamente dal Portogallo, fatta tutta a mano e intarsiata in oro zecchino. Davanti a quella statua, abbiamo recitato il rosario in attesa dell'arrivo dei pellegrini dell'Unitalsi della Sardegna: ammalati e accompagnatori provenienti da Trinità, Aggius, Tempio, Arzachena e addirittura dal Campidano e abbiamo poi partecipato tutti insieme alla S.Messa all'aperto, celebrata da don Domenico Degortes e animata dalla musica dell'armonica di Gianfranco Impagliazzo e dai canti di noi maddalenini. Al termine, dopo aver salutato e ringraziato chi ci ha accolto con gioia e chi ha partecipato all'organizzazione abbiamo avuto il piacere di condividere un lauto pranzo nella spaziosa e bellissima veranda del ristorante Marina a Badesi, il tutto organizzato al meglio da don Roberto Aversano. C'è stato poi il tempo di recarci a Castelsardo, dove liberamente ognuno ha scelto di visitare il centro o comprare qualche souvenir del posto, ma c'è stato anche chi ha preferito recarsi nella zona alta del paese per visitare la Concattedrale della diocesi di Tempio Ampurias, chiesa di S. Antonio Abate. Sotto la chiesa ci sono le cripte che ospitano il museo diocesano, che però non abbiamo potuto visitare per mancanza di tempo. Infatti a Badesi ci aspettava don Roberto per partecipare alla messa da lui celebrata all'aperto davanti alla sede del volontariato "casa della speranza", che ospita persone disabili. Anche lì una bella celebrazione e una bellissima accoglienza. La giornata è terminata in allegria: infatti per tutto il viaggio di ritorno sul pullman, tutti insieme abbiamo cantato gioiosamente, finendo così in bellezza questa straordinaria giornata di amicizia e di condivisione, felici e contenti di aver potuto pregare e venerare nel suo Santuario la "Nostra Signora di Fatima"!

                     Maria Vitiello

 

■ Professione religiosa di suor Aurora Orunesu

Sabato 7 ottobre, memoria della Beata Vergine Maria del Rosario, nella cattedrale di Tempio, ha emesso la professione perpetua suor Aurora Orunesu, conosciuta a La Maddalena perché qui ha studiato ed è cresciuta insieme con la sorella gemella Suor Angela, professa già da qualche anno. La professione perpetua è la consacrazione definitiva della propria vita al Signore. Ha presieduto la celebrazione eucaristica Mons. Sebastiano Sanguinetti. Il Vescovo nell’omelia ha ringraziato il Signore che benedice la Chiesa col dono di nuove vocazioni alla vita religiosa. Dopo la preghiera litanica, suor Aurora ha fatto la professione nelle mani della Superiora Generale suor Feliciana Moro. Dopo di che ha ricevuto l’anello, simbolo del suo rapporto sponsale con Cristo. Suor Aurora, come anche suor Angela, sono vincolate nella Congregazione Missionaria delle Figlie di Gesù Crocifisso. Fondata a Tempio nel 1925 dal maddalenino don Salvatore Vico, con lo scopo di offrire la propria vita per la santità dei sacerdoti, per l’evangelizzazione e il servizio di carità verso i più poveri. La Congregazione è presente con numerose Opere sociali in Italia, Brasile, Rep. Democratica del Congo e Gabon.

 

Padre Raniero Cantalamessa col Rinnovamento nello Spirito

RINNOVAMENTO-NELLO-SPIRITO1Domenica 8 Ottobre presso il Palasport di Sassari si è svolta la 39° Convocazione Regionale dei gruppi e comunità del Rinnovamento nello Spirito cui hanno partecipato circa 1500 aderenti al Movimento, di cui 9 in rappresentanza di La Maddalena. É stata una giornata splendida valorizzata dalla presenza del noto predicatore Padre Raniero Cantalamessa, dal Coordinatore Nazionale Mario Landi, con la presenza di S.E.R. Mons.Gianfranco Saba, Arcivescovo metropolita di Sassari, recentemente nominato, che ha celebrato la S.Messa con da 20 sacerdoti e diaconi.

Il tema proposto era tratto da Romani 15,11 "GENTI TUTTE, LODATE IL SIGNORE; I POPOLI TUTTI LO ESALTINO". Il Padre Cantalamessa, con la nota efficace profondità, ha sviscerato tale argomento partendo dai magnifici Salmi delle Lodi mattutine enunciati con passione e invitando l'assemblea a proclamare che "GESÙ è IL SIGNORE" la lode si addice al Creatore dell' Universo permeato dalla Sapienza infinita nella perfezione delle leggi cosmiche. Dio Amore voleva ardentemente creature capaci di corrispondere al suo Amore di Padre inviando nei tempi stabiliti il Figlio Unigenito (il Verbo si è fatto carne) GESÙ per la redenzione e RISORTO, vivo in noi tanto, sottolineava il predicatore, che basta pronunciare il Suo Nome per sentire la Sua Presenza. Nel pomeriggio ha ripreso il suo intervento raccontando episodi della sua vita e della sua conversione personale che lo ha portato a scegliere il saio francescano allorché ha preferito alla prestigiosa docenza universitaria, l'umile evangelizzazione lasciando le redini della sua vita allo Spirito Santo. Significativa la visione del cocchio di cui lui teneva le redini per guidare i cavalli e la decisione di consegnarle a Gesù in una resa totale seguendo unicamente il soffio dello Spirito.

Così avvenne che dal 1977 venne chiamato da Papa Giovanni al compito di Predicatore della Casa Pontificia e poi riconfermato da Papa Francesco con missioni all'estero, anche tra gli Anglicani in nome dell'Ecumenismo.

Mario Landi Coordinatore laico del RnS ha guidato nel pomeriggio il Roveto Ardente tra canti di Adorazione profonda e comunitaria e proclamazione della Parola.

Non sono mancate le testimonianze di persone impegnate nella evangelizzazione nella poverissima Moldavia tra gente assetata di Dio e di un gruppo di giovani impegnati a portare la gioia del Risorto tra coetanei nelle carceri minorili a Quartu S.Elena per aiutarli ad uscire dalle tenebre del male commesso.

Ho visto famiglie con bimbi di tutte le età e i più grandicelli hanno sostato davanti all'Arcivescovo e poi davanti al Santissimo esposto, con entusiasmo e con i loro palloncini colorati.

Una giornata piena di gioia, peccato che eravamo in pochi dalla nostra Isola e solo dell'età matura, ma il 26 novembre prossimo ci sarà a Galanoli (3 Km. da Mamoiada) una giornata esclusiva per i giovani e chissà che il Movimento della Lode ne attiri tanti.

                 Gianna Ferrero Mamberti

 

■ Centenario delle apparizioni di Fatima a La Maddalena

MADONNA-DI-FATIMA-14102017Come si sa quest’anno ricorre il Centenario delle apparizioni della Madonna di Fatima. Il 13 maggio del 1917 la Madonna apparve a tre pastorelli, Lucia, Giacinta e Francesco. Attraverso di loro, ha dato un messaggio a tutto il mondo: un invito alla preghiera, alla penitenza e alla conversione. Le apparizioni si susseguirono ogni tredici del mese fino a ottobre. La Madonna raccomandava la preghiera del rosario per la pace nel mondo e per la conversione dei peccatori. Era in corso la prima guerra mondiale. “Tante anime vanno all’inferno - diceva la Madonna ai tre pastorelli - perché non c’è nessuno che prega e si sacrifica per loro”. La Chiesa ha riconosciuto l’autenticità di queste apparizioni. Il 13 maggio scorso papa Francesco a Fatima ha canonizzato i due ragazzi Giacinta e Francesco morti di epidemia chiamata spagnola, alcuni anni dopo le apparizioni. Lucia, invece, divenuta suora, è morta all’età di 97 anni nel 2005. A La Maddalena abbiamo celebrato l’anniversario delle apparizioni con un pellegrinaggio al santuario della Madonna di Fatima a La Muddizza, (Valledoria) sabato scorso (vedi articolo). E poiché abbiamo sull’Isola una cappella dedicata alla Madonna di Fatima, lì, venerdì 13 ottobre, il giorno dell’ultima apparizione, abbiamo celebrato la conclusione del Centenario. Erano presenti una cinquantina di persone. La Messa alle ore 17.00 è stata preceduta dalla recita del rosario. Durante l’omelia il parroco ha detto che l’invito della Madonna a pregare per la pace è sempre attuale a causa delle guerre e minacce di guerre presenti nel mondo. La preghiera per la pace deve essere accompagnate dall’opera di pace nelle nostre famiglie e nella comunità. “Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio”. Si è pregato anche per le sorelle Pasquina e Palmira Demontis che negli anni ‘80 fecero costruire a loro spese la cappella, su un terreno di loro proprietà e su una altura che ha una visuale stupenda. Acquistarono pure una bella e grande statua della Madonna di Fatima. Ora la cappella è curata dalle nipoti Anna e Sabrina.

 

Auguri ai novelli sposi Fausto e Laura.

 

Condoglianze ai familiari di Menotti Adolfo Casali e Giuseppe Salvatore D’Arco che sono tornati alla casa del Padre celeste.

 

 

Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

 

1) Domenica 15 ottobre

* Ore 11.00: S. Messa di Ringraziamento per i cresimati.

2) Lunedì 16 ottobre

* Ore 17,30: Rosario. Ore 18.00: Santa Messa. Ore 18.30: assemblea di tutti i membri dei Gruppi ecclesiali istituiti (Cellule, Focolarini, Gr.Mariano, Gr. Padre Pio, Neocatecumenali, Rinnovamento, Volontariato Vincenziano).

3) Mercoledì 18 ottobre

* Festa di san Luca evangelista.

* Ore 17.30: S. Messa nella cappella dell’ospedale.

* Ore 21.00: corso di preparazione al Matrimonio nell’ufficio parrocchiale.

4) Sabato 21 ottobre

* Ore 18.00: S.Messa del Vescovo Mons.Sanguinetti per il conferimento della Cresima ai ragazzi di Moneta (non ci sarà la Messa delle ore 19.00).

5) Domenica 22 ottobre

* Giornata Missionaria Mondiale.

* Ore 21,15 a Moneta Veglia Missionaria inter-parrocchiale.

* Le questue durante le Messe sono destinate alle Missioni.

6) Martedì 14, mercoledì 15 e giovedì 16 novembre

* Pellegrinaggio a Carloforte per la festa della Madonna dello Schiavo, ricambiando la visita dei Carlofortini a La Maddalena in occasione della ratifica del gemellaggio tra le due comunità isolane.

7) Orari per le Confessioni:

Lunedì: dalle 9,00 alle 12.00, don Davide.

Venerdì: dalle 9,00 alle 12.00, don Domenico.

Sabato: dalle 9,00 alle 12.00, don Paolo.

  

Avvisi

Parrocchia Agonia di N.S.G.C. – Moneta

1. Sabato 14 ottobre – inaugurazione dell’anno catechistico con il mandato alle catechiste.

2. Venerdì 20 ottobre la S. Messa alle ore 8.00.

3. Sabato 21 ottobre ore 18.00 nella chiesa di S.Maria Maddalena la S. Messa presieduta dal Vescovo Mons. Sebastiano Sanguinetti con il conferimento del sacramento della cresima ai 15 ragazzi della nostra parrocchia.

La S. Messa a Moneta sarà alle ore 16.00.

4. Domenica 22 ottobre – memoria di San Giovanni Paolo II e Giornata Missionaria Mondiale. Alle ore 21.15 la veglia di preghiera inter-parrocchiale.

 

Il Bollettino è consultabile anche sul sito:

http://www.lamaddalenadontbeafraid.it

e sulla pagina facebook:

http://www.facebook.co/Parrocchiasantamariamaddalena.it

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.