Home
PDF Stampa

n° 33 Sabato 19 Agosto 2017

EDITORIALE

 PERCHÉ TANTI MATRIMONI FALLISCONO?

 ANELLI-NUZIALI-2017E’ una epidemia. Ogni pochi giorni sentiamo dire: il tale e la tale si sono lasciati. Il tale ha lasciato la moglie e si è messo con un’altra. La tale dice che non sente più niente per il marito. E questo succede nelle giovani coppie, e si pensa: sono fragili. Succede in coppie che sono insieme da decenni. Succede anche in coppie che frequentano la chiesa.

Come si spiega? Quali sono le malattie che portano alla morte i matrimoni? Non pretendo di essere esauriente, altri potrebbero integrare. Certo oggi la vita è difficile. Il lavoro scarseggia. Spesso c’è bisogno di lavorare entrambi, marito e moglie, e la sera si ritorna stanchi e nervosi. La coppia tante volte è sola ad affrontare i problemi. Difficoltà ce ne sono state anche in passato ma non c’era un numero così elevato di separazioni. C’è chi ritiene che tanti problemi si sono verificati a partire dalla emancipazione della donna. Ma questo non è vero, è un forma di maschilismo. Una delle cause che portano alla morte il matrimonio è l’individualismo esasperato, che è la cultura dominante Mentre all’inizio si è pieni di attenzioni l’uno per l’altro/a, poi, pian piano può riemergere l’io. Quando non si vive il matrimonio come missione, l’altro/a diventa un supporto; si tende al possesso e al godimento personale ingenerando all’interno delle famiglie insofferenza e aggressività. Allora i propri desideri diventano un assoluto, vengono  prima anche dei figli. Non si sa dialogare con rispetto. Il confronto tende ad evidenziare i pregi dell’uno e i difetti dell’altro. Un’altra causa che porta alla morte del matrimonio è l’indebolimento della fede e della pratica religiosa. L’assenza di Dio nella vita delle persone è la più grande solitudine. La vicinanza a Dio, quando è autentica, aiuta ad essere umili, sinceri, generosi, a chiedere e dare il perdono. Aiuta a vivere il matrimonio come missione, a  non vedere solo il proprio interesse ma anche quello dell’altro/a e dei figli, a fare della propria vita un dono. Auguro a tutte le famiglie, specialmente alle più giovani, di scoprire il matrimonio cristiano e di viverlo con l’aiuto del sacramento, come segno dell’amore di Cristo per la Chiesa sua sposa.   

                            D.D.

 

RAGGI DI SOLE

 CE NE RENDIAMO CONTO?

GESU'-SEMINATORE-2017 Ho saputo di un brillante predicatore che era diventato famoso per un pensiero che inseriva in quasi tutte le sue prediche. Ripeteva, con passione, come un ritornello: «Dobbiamo mettere Dio nella nostra vita!». Uno dei suoi più fedeli ascoltatori un giorno lo avvicinò e si permise di suggerirgli: «Ma Dio, c’è già, padre! Il nostro compito è quello di rendercene conto!». Mi pare interessante anche il pensiero del nostro scrittore Ignazio Silone: «Molti credono in un Dio domiciliato sopra le nuvole, seduto su una poltrona dorata e vecchissimo. Io sono persuaso che Dio è un ragazzo veramente in gamba, e sempre in giro per il mondo». Sì, un giovanotto allegro e generoso, occupatissimo a seminare germi di vita e di speranza, regalando dappertutto gioia e amore. Proprio quel che ha sempre fatto e continua a fare Gesù.                                

   Don Paolo Piras

 

 

I FATTI DELLA SETTIMANA

Decima sagra del pesce sabato 5 agosto.

SAGRA-DEL-PESCE-CLASSE-1967Si è svolta presso la batteria di Punta Tegge La decima Sagra del Pesce, organizzata dallo staff dell' Istituto San Vincenzo, che come di consueto ha avuto il grande supporto dell' equipaggio del motopeschereccio "Imbroglio", della Federcaccia e di molti altri simpatizzanti che hanno collaborato per la realizzazione dell' evento.

"Gli anni che passano non fanno che accrescere il successo di questa ormai tradizionale sagra..."(cit.) Un evento atteso ogni anno e sempre più partecipato. Turisti e non, hanno potuto godere dal calar del sole fino a tarda notte, della spettacolare location illuminata e addobbata a dovere per la festa, gustare il ricco menù a base di pesce sempre molto apprezzato...e di dolci seadas. Il tutto allietato da buona musica che ha creato un'atmosfera allegra e gioiosa...Lo staff ringrazia di cuore tutti i collaboratori e i partecipanti per la bellissima serata trascorsa insieme!

Staff Istituto San Vincenzo

 

I Focolarini in festa: l'amore al primo posto

CENA-FOCOLARINI-2017L' 11 Agosto, con la celebrazione della Santa Messa all'oasi di San Francesco, in onore di Santa Chiara, il movimento dei Focolari o Opera di Maria de La Maddalena, ha voluto ricordare l'onomastico della loro fondatrice Chiara Lubich. Nella preghiera dei fedeli, Maria Rosa che insieme a Nicolino è responsabile del gruppo, ha letto questo pensiero di Chiara che ci invitava a riflettere sull'importanza di essere perfetti nell'amore: "Dio non ci chiede di essere perfetti lavoratori o perfetti predicatori o perfette persone di preghiera, ma perfetti nell'amore". Ed è proprio nel ricercare, nel quotidiano, la perfezione nell'amore, l'obiettivo prioritario delle numerose cellule di Focolari presenti in tutto il mondo e per conseguirlo si affidano a Maria, modello di Amore e di totale dedizione al progetto di salvezza di Suo figlio Gesù. La invocano come Madre dell'Unità perché porti armonia, pace, gioia e unità nei cuori di tutti, vincendo ogni tipo di odio e di divisione. Anche Chiara Lubich è stata e lo è tuttora, un forte esempio di amore per i fratelli e le sorelle che il Signore le aveva donato, impegnando tutta la sua vita al servizio dei più poveri nelle varie realtà sociali del mondo. Ed è per questo motivo che abbiamo pregato affinché al più presto venga beatificata come ha anche augurato Fra Simone alla fine della Messa. Dopo la funzione religiosa ci siamo riuniti, come ogni anno, a casa di Nicolino e Maria Rosa per condividere insieme la cena. Erano presenti dei focolarini provenienti dalla Thailandia e dal Libano e anche componenti di altre realtà spirituali della Parrocchia come quelli del Rinnovamento nello Spirito, dei Neocatecumenali e altri amici. La serata si è svolta veramente all'insegna dell'ospitalità e della benedizione di Maria, Madre dell'Unità, che abbiamo invocato nella preghiera, insieme al nostro Parroco Don Domenico, prima di iniziare ad assaporare le squisite pietanze preparate con altrettanto amore da ogni invitato. A rallegrare ulteriormente la serata, sono stati i due bambini della famiglia siriana ospite della comunità parrocchiale, insieme alla loro mamma. "Com'è bello, come dà gioia che i fratelli stiano insieme"... Così recita il ritornello di una canzone che siamo soliti cantare in chiesa e credo che queste parole, quella sera, risuonassero nei cuori di ognuno di noi, come note di una stessa melodia, ricordandoci che tutti facciamo parte dello stesso Corpo di Cristo e quindi fratelli che camminano insieme per lodare il Signore, rendendo grazie a LUI per la varietà e la ricchezza che ogni gruppo di preghiera, ispirato dallo Spirito Santo, porta nella Chiesa; guidandoci sul cammino della santità alla quale tutti noi siamo chiamati sull'esempio di Chiara Lubich e non solo.       

Maria Giovanna Cilla

 

Pellegrinaggio a S. Maria

MESSA-SANTA-MARIA-2017Sono passati quasi vent'anni da quando a Don Domenico è venuta la felice idea di celebrare la messa nel giorno dell'Assunzione di Maria Vergine al cielo nella cappella a lei dedicata nell'isola di S. Maria. È quindi diventata ormai una tradizione che, continuando nel tempo, vede una sempre più grande partecipazione di maddalenini e turisti che non vogliono mancare a questo appuntamento. E questa volta la partecipazione è stata straordinaria: siamo andati con due barche, Cucciolo e Paradiso (il cui nome è tutto un programma) perchè eravamo in 140, ma arrivando all'isola si sono unite a noi tante persone con barche private e gli abitanti dell'isola, quelli fissi e quelli estivi, per cui alla Messa hanno partecipato circa 200 persone. Anche il nostro sindaco Luca Montella, con la sua famiglia, ci ha onorato della sua presenza. Recitando il rosario abbiamo percorso tutti insieme il sentiero in salita tra il verde del lentischio e grandi piante di aiaccio per arrivare alla piccola cappella dell'Assunta, davanti alla quale Padre Peppe, missionario vincenziano a La Maddalena per qualche giorno di vacanza, ha celebrato la Messa concelebrata da Don Domenico con l'immancabile chierichetta Matilde. Padre Peppe, affascinato dalla straordinaria bellezza del luogo, da dove si ammira uno scenario mozzafiato, ha così iniziato la celebrazione. "Siamo nella basilica più grande del mondo, la creazione! E guardandoci intorno possiamo comprendere cosa significa quando diciamo Dio creatore del cielo e della terra. Siamo in un tempio a cielo aperto, in un luogo dedicato a Maria, nel giorno dedicato a Maria, su un monte lontano dalla gente per metterci in riflessione, in meditazione, in contatto con il Signore Dio. Tutto oggi ci riporta alla spiritualità, questo luogo, questo tempo ci riporta alla priorità di Dio nella nostra vita!" Hanno animato la messa con musica e canti le voci del coro Gesù Bambino di Praga, alle quali si sono uniti i presenti nella lode a Dio e a Maria Santissima onorandoli proprio nell'isola che ha visto le sorgenti della nostra fede. Infatti, come ci ha gentilmente spiegato la moglie di Paolo, discendente della famiglia Viggiani proprietari di una parte dell'isola, già dal 1063 arrivarono i monaci e costruirono il monastero di cui abbiamo potuto vedere i resti e nel 1243 il papa Innocenzo IV con una delibera inquadrò i monaci nella regola di San Benedetto. Naturalmente avendo tempo a disposizione prima della Messa, abbiamo potuto godere di quel mare tuffandoci nelle acque trasparenti della splendida spiaggia di Cala S. Maria, fatta di sabbia bianca e finissima. C’è stato anche chi ha fatto una escursione al faro di punta Filetto o al passo degli Asinelli. Dopo una cena offerta dai comandanti ed equipaggi, gustata all'imbrunire sulla barca in mezzo al mare e dopo aver cantato allegramente tutti insieme, siamo ritornati all'isola madre, carichi e felici di questa bellissima esperienza (eccezionale mi ha detto una turista), esperienza di Dio nell'Eucaristia e nella bellezza del creato!     

         Maria Vitiello

 

Spettacolo in Piazza Umberto I. E’ stata una vera emozione prendere parte al coro che ha riecheggiato in Piazza Umberto sulle note de “I migliori anni” cantata dall’alter ego del nostro Renato nazionale, Kiko Solinas. Uno show, Operazero, che ha stupito i tantissimi spettatori,  che si sono radunati  domenica 13 agosto per assistere all’affascinante spettacolo che con musica, ballerini, otto violinisti ed una grandiosa coreografia, ha coinvolto i partecipanti di tutte le età. Il Comitato Classe 67 ringrazia la Delcomar e tutta la platea che ha fatto festa trascorrendo una serata musicale e “canterina” insieme a noi. Felici della grande partecipazione vi aspettiamo domenica 20 agosto al Fortino di Tegge per la grande festa in maschera anni 70 “Peace and love”, in una delle più belle cornici naturali che La Maddalena offre.

Tore Caboni e tutto il Comitato Classe ‘67.

 

La giornata di solidarietà per la Scuola Cattolica dell’Istituto San Vincenzo di La Maddalena. Durante le questue delle Messe del 12 e 13 agosto sono tati raccolti 1800 euro (Parrocchie S. Maria Maddalena e Agonia di N.S.G.C.).

 

Condoglianze ai familiari di Rosario Trimboli e Pietro Columbano che sono tornati alla casa del Padre celeste.

 

 

Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

 

1) Domenica 20 agosto

* Testimonianza della comunità Sant’Eugenio.

* Termina il mercatino di beneficenza nella biblioteca parrocchiale.

2) Lunedì 21 agosto

* Dalle 9.30 alle 12.00: confessore straordinario (p. Beppe, vincenziano).

 3) Martedì 22 agosto

* Termina la mostra di icone bizantine di Gianni Gala nell’atrio comunale.

 4) Giovedì 24 agosto

* Festa di san Bartolomeo apostolo.

 5) Campi scuola diocesani dell’Azione Cattolica presso la colonia di Marinella a Porto Rotondo (Olbia):

* 25-29 agosto per bambini e ragazzi dai 7 ai 14 anni.

   29-  1 settembre per adolescenti dai 14 ai 18 anni.

     1-  3 settembre per giovani, adulti e famiglie dai 19 anni in su.

 6) 12 – 16 ottobre

* Convegno a Roma della Famiglia Vincenziana.

 7) Il Comitato Festeggiamenti Classe ‘67 Martedì 22 agosto alle ore 22,00 in Piazza Santa Maria Maddalena ha il piacere di invitare la cittadinanza e i tanti ospiti allo spettacolo di musica, canto, poesia e immagini: “Cussi’ è nata L’Isula” per ripercorrere la storia della nostra bellissima Isola in occasione dei 250 anni dalla sua nascita.

 

 

Avvisi

Parrocchia Agonia di N.S.G.C. – Moneta

 

1. Martedì 22 agosto

Ore 18,30 S. Messa per San Giovanni Paolo II.

Ore 21,15 veglia di preghiera per San Giovanni Paolo II.

 

2. Sabato e Domenica 26 e 27 agosto

Sarà presente per una testimonianza un sacerdote dell’Aiuto alla Chiesa che soffre. 

 

Il Bollettino è consultabile anche sul sito:

http://www.lamaddalenadontbeafraid.it

e sulla pagina facebook:

http://www.facebook.co/Parrocchiasantamariamaddalena.it

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.