Home
PDF
Scritto da Administrator   

n° 26 Sabato 1 Luglio 2017

 

EDITORIALE

 La devozione al Sacro Cuore è attuale?

caltare-corpusdomini-2017-cSi è concluso da qualche giorno il mese di giugno dedicato dalla pietà popolare al Cuore di Gesù perché in giugno generalmente cade la solennità del Sacratissimo Cuore di Gesù. La devozione dei cristiani al Cuore di Gesù ha le sue origini nel passo del Vangelo dove si dice che sul Golgota uno dei soldati con la lancia colpì il fianco di Gesù e subito ne uscì sangue ed acqua, compiendo la Scrittura che dice: volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto. Lungo i secoli tanti santi fissarono lo sguardo sul cuore trafitto di Gesù favorendone la devozione. Fu soprattutto dopo le apparizioni di Gesù a santa Margherita Maria Alacoque, nel monastero di Paray le Monial, che si diffuse nel mondo cristiano il culto al Cuore di Gesù. In quelle apparizioni Gesù indicando alla Santa il suo cuore che aveva tanto amato gli uomini e che da loro riceveva soprattutto solitudine e abbandono, esortava la Santa a diffonderne la devozione. Lui stesso indicò di celebrare una festa del Cuore di Gesù il venerdì dopo la solennità del santissimo Corpo e Sangue di Cristo. Chiese la Comunione riparatrice, assicurando la grazia della perseveranza finale a chi si fosse accostato, per nove mesi consecutivi, ai sacramenti della Confessione e della Comunione. Inoltre chiese alla Santa di farsi promotrice dell’ora di adorazione in riparazione dei peccati del mondo. La devozione ebbe un grande sviluppo nel mondo cattolico fino ad una quarantina di anni fa, poi ha preso a diminuire. Forse a causa della secolarizzazione che ha interessato soprattutto l’Europa, forse per una presentazione troppo sentimentale della devozione (Gesù rappresentato col cuore in mano). Comunque l’importanza della devozione al cuore di Gesù simbolo del suo amore rimane immutata. Dal cuore di Gesù vengono tutti i suoi doni: il dono dello Spirito Santo, della Chiesa, dei sacramenti, della sua Madre dolcissima e di tanti altri doni. Il cuore di Gesù è modello di amore, “Imparate da me, egli dice, che sono mite ed umile di cuore”. In una società spesso indifferente e povera di amore c’è bisogno di guardare a Cristo per imparare da Lui a dare la vita per i fratelli. I sacerdoti per primi dovrebbero dare l’esempio. Per questo la solennità del Sacro Cuore è anche la Giornata di santificazione sacerdotale proposta dal Papa in seguito a cattivi esempi di sacerdoti, nella quale si prega per tutti i sacerdoti perché siano secondo il cuore di Cristo. Anche nella chiesa di Santa Maria Maddalena, nella vigilia della festa del Sacro cuore, si è svolta un’ora di adorazione animata da don Davide e dal coro San Giovanni Bosco con una trentina di persone specialmente giovani, che hanno pregato per la santificazione dei sacerdoti. 

                                              

 D.D.

  RAGGI DI SOLE

 LA PRECEDENZA

  Un giorno, un vecchio professore fu chiamato come esperto per parlare sulla pianificazione più efficace del proprio tempo ai quadri superiori di alcune grosse compagnie nordamericane. Decise allora di tentare un esperimento. In piedi, davanti al gruppo pronto a prendere appunti, tirò fuori da sotto il tavolo un grosso vaso di vetro vuoto. Insieme prese anche una dozzina di pietre grosse quanto palle da tennis che depose delicatamente una ad una nel vaso fino a riempirlo. Quando non si potevano più aggiungere altri sassi, chiese agli allievi: «Vi sembra che il vaso sia pieno?» e tutti risposero «Si!». Attese qualche istante e aggiunse: «Siete sicuri?». Si chinò di nuovo e tirò fuori da sotto il tavolo un barattolo pieno di breccia che versò accuratamente sopra le grosse pietre, movendo leggermente il vaso perché la breccia potesse infiltrarsi tra le pietre grosse fino al fondo. «É pieno questa volta il vaso?» chiese. Divenuti più prudenti, gli allievi cominciarono a capire e risposero: «Forse non ancora». «Bene!» rispose il vecchio professore. Si chinò di nuovo e tirò fuori questa volta un sacchetto di sabbia che con precauzione versò nel vaso. La sabbia riempì tutti gli spazi tra i sassi e la breccia. Quindi chiese di nuovo: «È pieno ora il vaso?». E tutti senza esitare risposero: «No!». «Infatti» rispose il vecchio e, come si aspettavano, prese la caraffa che era sul tavolo e ne versò l’acqua fino all’orlo. A questo punto egli alzò gli occhi verso l’auditorio e domandò: «Quale grande verità ci mostra questo esperimento?». Il più audace, pensando al tema del corso (la pianificazione del tempo), rispose: «Questo dimostra che anche quando la nostra agenda è completamente piena, con un po’ di buona volontà, si può sempre aggiungere qualche impegno in più, qualche altra cosa da fare». «No – rispose il professore – non è questo. Quello che l’esperimento dimostra è un’altra cosa: se non si mettono prima le grosse pietre nel vaso non si riuscirà mai a farvele entrare in seguito».

Un attimo di silenzio e tutti presero coscienza dell’evidenza dell’affermazione. Quindi proseguì: «Quali sono le grosse pietre, le priorità, nella vostra vita? La salute? La famiglia? Gli amici? Difendere una causa? Realizzare qualcosa che vi sta a cuore? La cosa importante è mettere queste grosse pietre per prime nella vostra agenda. Se si dà la priorità a mille altre piccole cose (la breccia, la sabbia,….), si riempirà la vita di sciocchezze e non si troverà mai il tempo per dedicarsi alle cose veramente importanti. Dunque non dimenticate di porvi spesso la domanda: “Quali sono le grosse pietre nella mia vita?” e di metterle al primo posto nella vostra agenda». Poi con un gesto amichevole il vecchio professore salutò l’uditorio e uscì dalla sala. Istruttivo vero? Noi però non siamo quadri dirigenti di azienda preoccupati solo di realizzarsi al meglio nella vita, facendo carriera e magari diventando famosi. Noi viviamo in prospettiva della “vita eterna” e non possiamo tenere lo sguardo fisso solamente alle cose della terra. Sant’Agostino, dopo aver divagato per molte strade, smarrendosi tra i miraggi del mondo, arriva a questa conclusione: «Tu ci hai fatto per te, Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te». Per questo, alle «grosse pietre» menzionate dal professore – la salute, la famiglia, gli amici…… dovremmo aggiungerne altre due, che sono le più grosse di tutte e meritano la precedenza su ogni altra cosa: «L’amore di Dio e l’amore del prossimo, strettamente associati», unico segreto per la nostra felicità presente e futura. Proviamo a domandarci anche noi: «Quali sono le grosse pietre che mettiamo al primo posto nell’agenda della nostra vita?».  

                Don Paolo Piras

 

 I FATTI DELLA SETTIMANA

 ■ Il giorno 20 giugno 2017 si è riunito il Consiglio Pastorale di Santa Maria Maddalena presso la Biblioteca Parrocchiale. Don Domenico iniziava la discussione introducendo il tema della Pastorale estiva: per la festa di Santa Maria Maddalena, Patrona cittadina, e per la ricorrenza dei 250 anni della Nostra Comunità, sarà presente sin dalla vigilia Monsignor Becciu, Sostituto di Stato Vaticano, il vescovo di Tempio - Ampurias Sanguinetti, il vescovo di Ozieri e il vescovo di Ajaccio Monsignor Olivier De Germay. Si pensava inoltre di invitare i sacerdoti maddalenini e quelli che hanno officiato all’isola in questi ultimi anni; verranno inoltre coinvolti tutti i cori cittadini e i gruppi parrocchiali per la novena; per la vigilia della festa si pensava di invitare il coro Ortobene insieme alle Voci nel blues. Questi i temi che verranno affrontati dai predicatori durante la novena: famiglia, educatori, poveri, indifferenza religiosa, lavoro, la donna, evangelizzazione, comunità, i giovani.

Don Domenico chiede la massima partecipazione della popolazione per la processione, anche quella per mare, con l’invito a formare un servizio d’ordine durante la processione. Sono stati organizzati i pellegrinaggi estivi uno ogni 15 giorni, quale forma di evangelizzazione, la cui organizzazione è da tempo affidata a signor Pierluigi Aversano.

Per quanto riguarda l’orario delle messe domenicali per luglio e agosto: 07:30 parrocchia, 08:30 Due Strade, 10:00 parrocchia, 18:00 Sacra Famiglia Padule, 19:00 Parrocchia, 20:30 parrocchia.

Sulla ricorrenza dei 250 anni della Nostra Comunità si chiede di organizzare un piccolo programma che si possa armonizzare con quello del Comune, quale per esempio una ricostruzione storica della comunità religiosa. Don Domenico inoltre invita i Consiglieri a far celebrare per il 23 febbraio 2018 una messa di ringraziamento a Santa Maria Maddalena per la salvezza dell’isola dai bombardamenti francesi. In chiusura Don Domenico ricorda quanto fatto durante l’anno sociale: la missione cittadina, i centri di ascolto, il pellegrinaggio ad Ajaccio, le stazioni quaresimali, l’accoglienza ai profughi siriani, la festa della Trinita, la pastorale della famiglia. In ultimo chiede un rinnovamento dei gruppi parrocchiali che vede stanchi e informa, per quanto riguarda la festa della Trinita, che è intenzione del Signor Nardino Porcu di lasciare la guida del comitato festeggiamenti.

Il Segretario del Consiglio Pastorale di SMM – Domenico Lecci

 

■ I 250 anni ricordati anche nella festa del Corpus Domini.

Nella solennità del Corpus Domini a cui ha partecipato tutta la Comunità Isolana con la presenza delle Autorità Civili e Militari, quest’anno anche l'Amministrazione comunale ha allestito un altarino nell’ingresso del palazzo comunale rappresentante Gesù misericordioso, per onorare il passaggio del Corpus Domini. Proprio in occasione del 250° si è voluto ricordare le nostre radici di comunità Cristiana e l'affidamento dell'intera comunità isolana alla Divina Misericordia. Al passaggio della processione Don Domenico ha fatto una breve sosta per benedire con il Santissimo il Palazzo Comunale (la casa di tutti i cittadini), benedicendo altresì tutti coloro che vi lavorano... La processione è proseguita per le vie del paese con tre soste di preghiera animate dalla Parrocchia Militare, dalla Parrocchia di Moneta e dalla Parrocchia di Santa Maria Maddalena. Al termine, il vicario urbano don Domenico, nel ringraziare tutti per la partecipazione, ha sottolineato la solidarietà al Sindaco di La Maddalena che ha partecipato alle celebrazioni senza fascia tricolore, in quanto consegnata in segno di protesta al Prefetto, per il drastico ridimensionamento dei servizi sanitari del Paolo Merlo da parte della Regione Sardegna ...: "protesta che tutta la Comunità appoggia e sostiene", ha ribadito Don Domenico. Termina così con i saluti alle autorità e a tutti i presenti, e con l’esibizione della Banda musicale San Domenico Savio la solenne processione in questo 250° della Comunità isolana per affidare tutta l'Isola a Gesù Eucaristia vivo in mezzo a noi.                                        

Emilia Malleo

 

■ Auguri a Mons. Gian Franco Saba, già parroco di Sant’Antonio di Gallura, nuovo Arcivescovo di Sassari.

■ Auguri al novello Sacerdote Marco Bilewski.

 

Condoglianze ai familiari di Giacomo De Rosa e Teresa Bebbu che sono tornati alla casa del Padre celeste.

 

 

Parrocchia di Santa Maria Maddalena

I nostri pellegrinaggi estivi 2017:

 

● 08 luglio per Lavezzi con partenza dalla chiesa ore 09,45.

● 15 luglio per Razzoli con partenza dalla chiesa ore 14,15

● 29 luglio per Budelli con partenza dalla chiesa ore 14,30

● 15 agosto per Santa Maria con partenza dalla chiesa ore 14,45

● 26 agosto per Spargi con partenza dalla chiesa ore 09,45

● 09 settembre per S. Stefano con partenza dalla chiesa ore 14,45.

 

Avvisi

Parrocchia Santa Maria Maddalena

 

1) Domenica 2 luglio

* Cambiano gli orari delle Messe festive per luglio e agosto:

Ore 7,30 nella chiesa di Santa Maria Maddalena

Ore 8.30 nella chiesa del Bambino Gesù alle Due Strade.

Ore 10.00 nella chiesa di Santa Maria Maddalena. (Non c’è la Messa delle 11.00)

Ore 18.00 nella sala Sacra Famiglia a Padule

Ore 19.00 nella chiesa  Santa Maria Maddalena

Ore 20.30 nella chiesa di Santa Maria Maddalena.

* A Radio Arcipelago le S. Messe saranno trasmesse la domenica e nei giorni festivi alle ore 7.30 dalla chiesa di S. Maria Maddalena, alle ore 09.00 dalla Chiesa di Moneta e alle ore 19.00 dalla chiesa di S.Maria Maddalena, rimangono invariati gli orari degli altri giorni.

* Mostra del dolce organizzata dall’associazione A.M.A. per le adozioni a distanza.

2) Lunedì 3 luglio

Primo lunedì del mese. Alle ore 9,00 S. Messa per i coniugi defunti.

3) Mercoledì 5 luglio

Ore 15,45 S. Messa in cimitero.

4) Giovedì 6 luglio

Ore 18.00 preghiera per le vocazioni.

5) Venerdì 7 luglio

Primo venerdì del mese dedicato al Sacro Cuore di Gesù.

Alle ore 18,00 ci sarà la S.Messa alla chiesa del Bambino Gesù alle Due Strade.

6) Sabato 8 luglio

* Pellegrinaggio all’isola di Lavezzi con Santa Messa presso le rovine dell’antico monastero.

(Per prenotarsi contattare Pier Luigi Aversano tel. 3491534378; o l’ufficio parrocchiale tel. 0789.73.74.00).

 

 

Avvisi

Parrocchia Agonia di N.S.G.C. – Moneta

 

1. Da sabato 1 luglio la Messa al Villaggio Piras ogni sabato alle ore 19.00.

2. Orari delle Sante Messe:

domenica ore 9.00

                ore 19.00 Stagnali

sabato e prefestivi ore 18.00

  • ore 19.00 Vill. Piras ( luglio e agosto)

feriali: lunedì ore 8.00

martedì – venerdì ore 18.30

3. Giovedì – sabato 6-8 luglio ore 21.30 Triduo di preparazione alla festa della Madonna della Pace.

4. Venerdì 7 luglio primo venerdì del mese: adorazione del Santissimo Sacramento dalle ore 17.00.

5. Domenica 9 luglio Festa della Madonna della Pace a Stagnali

– ore 18.30 S. Messa solenne, processione e benedizione del mare e delle barche.

A seguire la cena (menù terra e mare) e intrattenimento musicale.

 
Copyright © 2017 parrocchia mariamaddalena. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.